Giovedì, 24 Settembre 2015 09:00

Specializzati in bancarotta. Gdf sgomina sodalizio criminale

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

TREVISO - Smascherato dalla Guardia di Finanza di Treviso e sanzionato con l''interdizione ad esercitare imprese e uffici direttivi un sodalizio criminale collaudato, composto da tre imprenditori operanti nella Marca.

A conclusione di una complessa ed articolata indagine su ipotesi di bancarotta fraudolenta nei confronti di quattro aziende trevigiane, dichiarate fallite nel biennio 2013 e 2014 e tutte riconducibili ad un medesimo e noto Gruppo internazionale operante nel settore della produzione di recinzioni e pannelli metallici, gli investigatori del Nucleo di Polizia Tributaria di Treviso hanno eseguito tre ordinanze per vietare ai bancarottieri di operare ancora alla guida di imprese. L''accusa è di aver distratto rilevante patrimonio societario per 19 milioni di euro ed occultato le contabilità societarie in danno del ceto creditorio esposto per oltre 49 milioni di euro. I meticolosi accertamenti svolti dai Finanzieri trevigiani hanno permesso di rilevare che gli indagati, agli inizi del 2013, nonostante una preesistente voragine finanziaria di circa 13 milioni di euro, avevano acquisito tutte le società del Gruppo dalla precedente proprietà prospettando ai terzi creditori importanti investimenti e progetti di risanamento aziendale anche a tutela degli oltre trenta dipendenti.

La realtà emersa nel corso degli approfondimenti investigativi è risultata assai diversa: insediatisi alla guida delle aziende appena acquistate, i tre soggetti avevano immediatamente posto in essere svariate e ripetute distrazioni di patrimonio attraverso trasferimenti di denaro infragruppo privi di giustificazione contabile, cessione di rami aziendali, di cespiti e di magazzino senza corrispettivo, ed avevano utilizzato ricevute bancarie fasulle al fine di ottenere affidamenti dagli ignari istituti di credito. Non nuovi a situazioni di bancarotta, gli indagati si dedicavano all''acquisizione seriale di aziende decotte, non solo nel trevigiano, per poi ''svuotarle'' fino a condurle definitivamente all''insolvenza. Tale spregiudicatezza imprenditoriale è stata vanificata dal tempestivo intervento delle Fiamme Gialle di Treviso che hanno acquisito le fonti di prova necessarie per l''emissione delle ordinanze delle misure interdittive da parte del Giudice per le Indagini Preliminari del locale Tribunale.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. In giuria prevalgono le Marianne

Al pubblico che si appassiona ai film in concorso non importa molto della giuria che li sceglie, ma è significativo che quest’anno al festival del cinema di Cannes, che si...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Cultura

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077