Menu
Serve ancora ricordare e celebrare il 25 aprile?

Serve ancora ricordare e celebrare il 25 aprile?

ROMA - Ogni anno torna la stessa domanda, qualcuno la...

Jobs Act: ecco chi ha trovato lavoro

Jobs Act: ecco chi ha trovato lavoro

Con l’avvento del jobs act gli impiegati, le segretarie, i...

Girovago e Rondella e il teatro mobile … da non perdere

Girovago e Rondella e il teatro mobile … da non perdere

Improvvisamente un autobus parcheggia nella piazza principale (e pedonale) di...

Fermiamo i signori della guerra

Fermiamo i signori della guerra

Trovo vergognosa l’indifferenza con cui noi assistiamo a una ‘guerra...

Gelato Festival Europa  parte alla conquista dell'Europa

Gelato Festival Europa parte alla conquista dell'Europa

Compie otto anni la prima manifestazione itinerante del gelato artigianale...

Corea del nord agli Usa: vi cancelleremo da cartina geografica

Corea del nord agli Usa: vi cancelleremo da cartina geografica

PYONGYANG - Un sito ufficiale nordcoreano ha avvertito gli Stati...

Elezioni Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

Elezioni Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

PARIGI - I risultati definitivi del primo turno delle presidenziali...

Sala Umberto. “Uno nessuno centomila”e un grande Enrico Lo Verso

Sala Umberto. “Uno nessuno centomila”e un grande Enrico Lo Verso

ROMA – “Uno nessuno centomila” è l’ultimo romanzo di Luigi...

Mattarella con Amnesty a difesa dei diritti umani

Mattarella con Amnesty a difesa dei diritti umani

ROMA - Il rispetto e la promozione dei diritti umani...

Francia. 47 milioni al voto per le presidenziali

Francia. 47 milioni al voto per le presidenziali

PARIGI - Urne aperte per 47 milioni di cittadini francesi,...

Prev Next

Bari, usuraio in manette. Chiedeva oltre il 120% di interessi

Bari, usuraio in manette. Chiedeva oltre il 120% di interessi

BARI - I carabinieri della stazione di Gravina in Puglia (Bari), lo scorso fine settimana hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di usura, estorsione e lesioni personali aggravate, emessa dall'ufficio del gip di Bari Giulia Romanazzi, richiesta dal pm Livia Giorgio - nei confronti di un cittadino gravinese, 51enne, pregiudicato. 

Con l'esecuzione di questa ordinanza i carabinieri hanno messo fine ad una drammatica vicenda cui era rimasto vittima un artigiano della cittadina. Nel corso dell'anno 2013, trovatosi in difficoltà economiche, il piccolo imprenditore, che non era riuscito ad ottenere un credito dai canali legalizzati, si era trovato costretto a chiedere un prestito di 7 mila euro ad un usuraio del paese. Ma quello che era sembrata una boccata d'ossigeno col passare del tempo si era rivelata, come spesso accade in queste occasioni, un vero capestro. Dopo la restituzione del capitale, si erano aggiunti interessi per oltre 13mila euro che erano stati pagati parte con danaro e parte con servizi resi dall'artigiano all'usuraio. Ciò non era però bastato e la pretesa era che il debitore avrebbe dovuto saldare altri 20 mila euro a titolo di interessi maturati ancora sull'originario prestito. A quel punto le sue invocazioni di soprassedere a quelle ulteriori richieste caddero nel vuoto, mentre lo strozzino passava alle vie di fatto con una manifestazione di inaudita violenza, picchiandolo e provocandogli lesioni al volto guaribili in 10 giorni.

La consapevolezza di essere oramai in un vicolo cieco e la fiducia riposta nelle forze dell'ordine e nella magistratura persuadeva l'artigiano a rompere gli indugi e a denunciare le vessazioni cui era sottoposto. La conseguente rapida attività investigativa condotta dai carabinieri di Gravina in Puglia, coordinati dal sostituto procuratore Livia Giorgio, che ha portato anche al sequestro di documentazione dalla quale si evinceva come la vittima del prestito avesse in effetti pagato interessi usurari finanche superiori al 120%, rendeva possibile l'emissione dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere in capo all'usuraio che dovrà rispondere anche del grave delitto di estorsione.

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208