Menu
Serve ancora ricordare e celebrare il 25 aprile?

Serve ancora ricordare e celebrare il 25 aprile?

ROMA - Ogni anno torna la stessa domanda, qualcuno la...

Jobs Act: ecco chi ha trovato lavoro

Jobs Act: ecco chi ha trovato lavoro

Con l’avvento del jobs act gli impiegati, le segretarie, i...

Girovago e Rondella e il teatro mobile … da non perdere

Girovago e Rondella e il teatro mobile … da non perdere

Improvvisamente un autobus parcheggia nella piazza principale (e pedonale) di...

Fermiamo i signori della guerra

Fermiamo i signori della guerra

Trovo vergognosa l’indifferenza con cui noi assistiamo a una ‘guerra...

Gelato Festival Europa  parte alla conquista dell'Europa

Gelato Festival Europa parte alla conquista dell'Europa

Compie otto anni la prima manifestazione itinerante del gelato artigianale...

Corea del nord agli Usa: vi cancelleremo da cartina geografica

Corea del nord agli Usa: vi cancelleremo da cartina geografica

PYONGYANG - Un sito ufficiale nordcoreano ha avvertito gli Stati...

Elezioni Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

Elezioni Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

PARIGI - I risultati definitivi del primo turno delle presidenziali...

Sala Umberto. “Uno nessuno centomila”e un grande Enrico Lo Verso

Sala Umberto. “Uno nessuno centomila”e un grande Enrico Lo Verso

ROMA – “Uno nessuno centomila” è l’ultimo romanzo di Luigi...

Mattarella con Amnesty a difesa dei diritti umani

Mattarella con Amnesty a difesa dei diritti umani

ROMA - Il rispetto e la promozione dei diritti umani...

Francia. 47 milioni al voto per le presidenziali

Francia. 47 milioni al voto per le presidenziali

PARIGI - Urne aperte per 47 milioni di cittadini francesi,...

Prev Next

Energia: a Siena una vittima di contratto non richiesto denuncia i procacciatori

Energia: a Siena una vittima di contratto non richiesto denuncia i procacciatori

Necessaria una svolta nei comportamenti delle aziende. Le invitiamo a sottoscrivere protocolli per promuovere condotte virtuose e rispettose dei diritti dei cittadini

Quanto accaduto nei giorni scorsi a Siena è emblematico di una situazione giunta orma a livelli intollerabili. Grazie alla denuncia di una signora a cui era stato attivato un contratto di energia elettrica senza il suo esplicito consenso, gli agenti dell’Arma dei Carabinieri hanno rintracciato i due 32enni dipendenti di una società di distribuzione di energia elettrica. Questi ultimi, temendo di esser stati scoperti, hanno inviato alla signora le proprie scuse, sostenendo si trattasse di un loro errore.

Non è nostra intenzione banalizzare la vicenda addossando la colpa esclusiva ai procacciatori: ben sappiamo che tale pratica è spesso promossa e incoraggiata dalle aziende e dalle agenzie a cui queste si affidano per la vendita dei contratti.

Così come sappiamo bene che, di fronte alla disoccupazione ed al disagio in cui molti giovani vivono, queste pratiche rappresentano una facile scorciatoia per ottenere provvigioni.

La via d’uscita affinché i giovani non siano struttati e costretti a truffare altri cittadini è intervenire a monte, sul sistema di vendita dei contratti e sulle condotte aziendali.

La piaga dell’attivazione di contratti non richiesti può essere contrastata solo colpendo i veri responsabili: le agenzie e le aziende mandatarie.

In tal senso, oltre ad intervenire ripetutamente denunciando alle Procure della Repubblica, all’Antitrust e all’Autorità per l’Energia (anche se in verità quest’ultima tace), stiamo promuovendo la sottoscrizione di protocolli formali con le aziende per incentivare comportamenti corretti e virtuosi. Nel dettaglio tali protocolli prevedono la vendita attraverso strutture parallele, nonché una black list delle agenzie di vendita: se un’agenzia dovesse far attivare più di 5 contratti non richiesti (un margine di errore può esserci), l’agenzia sarà inserita nella black list e non lavorerà più con l’azienda.

Il primo protocollo in tal senso è in fase di firma con ENI. Abbiamo invitato tutte le aziende a convenire con noi la definizione di protocolli simili, con l’obiettivo di regolamentare un mercato selvaggio, che sta danneggiando ed esasperando i cittadini. 

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208