Menu
Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

NEW YORK - Il dipartimento della Sicurezza interna Usa ha...

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

ROMA - Dopo il confronto di domenica in assemblea, il...

La Francia perde 1,5 milioni di turisti. Colpa del terrorismo

La Francia perde 1,5 milioni di turisti. Colpa del terrorismo

PARIGI - Parigi se la passa male, almeno per quel...

Omicidio Scazzi. Confermato ergastolo per Sabrina e Cosima

Omicidio Scazzi. Confermato ergastolo per Sabrina e Cosima

TARANTO - (AdnKronos) - Sono stati confermati gli ergastoli per Cosima...

L’intervista. Walter Pagliaro e il “Pellicano” di Strindberg

L’intervista. Walter Pagliaro e il “Pellicano” di Strindberg

Tona in scena dopo trent’anni, grazie a Walter Pagliaro, al...

Lavoro: meglio disoccupato che postino

Lavoro: meglio disoccupato che postino

TERAMO - ''Su 100 persone selezionate per il ruolo di...

Venezuela. Maduro bacchetta Trump, basta sanzioni

Venezuela. Maduro bacchetta Trump, basta sanzioni

BOLOGNA - Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, durante la puntata...

Iraq. A Mosul massiccia operazione anti Isis

Iraq. A Mosul massiccia operazione anti Isis

BAGHDAD - Le forze irachene hanno "bonificato" un'area di 60 chilometri...

Graziani e Villa: la musica come arte e passione

Graziani e Villa: la musica come arte e passione

Ci voleva il genio eclettico di Andrea Scanzi per riportare...

Nel pubblico ci si ammala di più

Nel pubblico ci si ammala di più

Nel 2015 sono stati licenziati 280 “furbetti” 

Prev Next

Italicum. I mezzi sbagliati non portano sempre a fini condivisi e da condividere

Italicum. I mezzi sbagliati non portano sempre a fini condivisi e da condividere

ROMA - Non è un caso se nella storia centocinquantenaria del Parlamento italiano, anche se in contesti diversi e assai distanti tra di loro, la fiducia in materia di legge elettorale sia stata messa poche volte. Ciò è avvenuto perché la legge elettorale è una materia che di per sé implica una convergenza più ampia di quella che è la maggioranza di governo e perché, insieme, si riconosce che il Parlamento è il primo titolare del potere di modificarla.

In ragione di tutto questo, per chi ritiene che la legge elettorale presentata costituisca un passo in avanti e ci sia bisogno assolutamente di dare al Paese una nuova e moderna legge elettorale, ma pensa nello stesso tempo che ci siano ancora elementi importanti da modificare, resta un dilemma. Il dilemma tra la fedeltà alla logica che in una comunità implica il principio di maggioranza, e dunque che chi non condivide le idee della maggioranza ne segue però le indicazioni, e un altro principio, molto profondo: quello di non costituire in materia di legge elettorale un ulteriore, nuovo, pericoloso precedente. A queste motivazioni si sommano inoltre quelle di chi ritiene, in ragione di quello che ho detto fino ad ora, che ci sia una libertà forte da difendere, quella del potere del Parlamento di decidere in materia di legge elettorale in assenza, come direbbe Norberto Bobbio, di impedimenti.

Per queste ragioni, con dispiacere, anche a nome di altri colleghi, annuncio che noi scegliamo la seconda strada. E che perciò non parteciperemo al voto.

Resto convinto che anche in assenza della richiesta di fiducia da parte del governo la legge sarebbe passata. E che, qualora in qualche aspetto fosse stata modificata, nel giro di due o tre mesi avremmo dato senza difficoltà al Paese una legge più moderna e più condivisa.
Si dice che Parigi val bene una messa. Ma per molti di noi il rapporto tra mezzi e fini non è quello che spesso viene definito. Perché fini giusti implicano mezzi giusti, e non è detto che mezzi sbagliati portino a fini condivisi e da condividere.

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208