Menu
Non siamo un popolo di evasori

Non siamo un popolo di evasori

I dati presentati quest’oggi dal prof. Giovannini ci autorizzano a...

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”…  ed è vero

Doit Festival. “Assolutamente deliziose”… ed è vero

La storia squinternata di due cugine si trasforma in vicenda...

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

ROMA - Considerata una delle migliori commedie di Brecht, scritta...

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Riflessioni sul nuovo libro di Enrico Letta e sul futuro...

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

“La notte della Tosca” è una tragicommedia intelligente sulla precarietà...

Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

LONDRA  - Solo nella mattina e' tornata una relativa calma...

Prev Next

POLITICA

Intervista a Susanna Parigi: “La musica ha deciso per me”. VIDEO

  • Pubblicato in Musica

ROMASusanna Parigi è una cantautrice e compositrice,  che ha collaborato con nomi importanti della musica italiana come Fiorella Mannoia, Claudio Baglioni, Riccardo Cocciante. Da qualche mese  è uscito il suo album  Apnea e, in rotazione,  a fare da apripista il singolo “Filtro elettronico”, brano che indaga i rapporti tra musica e uso della tecnologia. L'ha intervistata per Dazebaonews.it Valentina Marchetti.

D. Quando hai deciso che la musica sarebbe stata la tua strada?

S.P. Penso sia stata la musica a decidere per me. Avevo circa quattro anni e chiesi, molto decisa, ai miei genitori di prendere lezioni di canto. Poi a nove anni sono entrata in conservatorio e mi sono diplomata a 19 in pianoforte. Nel frattempo avevo già iniziato a scrivere. La musica mi si è attaccata addosso da sempre e non ricordo un periodo della mia vita in cui non ci fosse. Dopo il diploma ho fatto due tour importanti con Cocciante e Baglioni e poi ho iniziato con i miei dischi. Avendo avuto questo istinto così piccola, mi viene da pensare più a una vocazione che a una scelta consapevole.

D. Quali sono state le tue influenze?

S.P. Sicuramente la musica d’autore francese, la musica classica che respiro da sempre e un buon numero di cantautrici non italiane perché in Italia le donne hanno iniziato a scrivere da non molto...non so...Tori Amos, Regina Spektor, Kate Bush. Per quanto riguarda la voce Betty Carter, Noa… ma il mio genere non è molto ben collocabile, infatti è stata per la prima volta usata la definizione “Pop letterario”proprio perché dal punto di vista dei testi potrebbe essere definito musica d’autore, ma per certe scelte armoniche e melodiche e anche vocali, si avvicina in certi momenti al pop. Ma le definizioni stanno strette a tutti, credo.

D. Come nasce "Filtro elettronico"?

SP. Di solito i miei album sono a tema. Sin da “In differenze”. Con “L’insulto delle parole”già trattavo il tema della manipolazione del vocabolario, del maltrattamento subito dalla parola, dell’ingiuria continua, del non poter più credere alle parole. Ma oggi, mi sembra, ci sia qualcosa di più. Io la chiamo “parolessia”, un termine che non esiste, ma mi sembra poter indicare una certa malattia della parola, un uso esagerato. Ecco da cosa nasce “Fitro elettronico”. Io uso molto la tecnologia, ma è l’abuso che rende ridicole le situazioni. Per esempio il cellulare porta per ovvi motivi a parlare e parlare e parlare, a dire tante parole superflue. In realtà tu non hai nessuno vicino. Quando hai accanto una persona puoi fare tante cose in silenzio, passeggiare, ascoltare musica, abbracciarsi. Mi è capitato di vedere in metropolitana mamme concentrate molto di più sul loro dispositivo elettronico che sul figlio.

D. Parlami del tuo rapporto nella composizione, tra registrazione, elettronica, tecnologia. 

S.P. Come ti ho detto faccio molto uso della tecnologia per lavorare, ma nella composizione delle canzoni proprio no. Credo fermamente che un’idea melodica debba nascere libera e svincolata. Tutto quello che nasce sopra qualcosa di già composto, non può essere libero. Porto un esempio. Oggi molti ragazzi prendono delle basi già esistenti, o loop ritmici, e sopra costruiscono una canzone. Per carità è un modo. Meglio quello che niente. Però è chiaramente un ripiego per tutti quelli che non hanno sufficiente preparazione musicale da essere indipendenti. Preparazione musicale che sarebbe d’obbligo in un paese civile, ma nel nostro è a livello del terzo mondo. Sto parlando della scuola dell’obbligo. Scritte le canzoni, la fase successiva dipende tutta dal vestito sonoro che immagino nel complesso per quel progetto. Nei miei precedenti due Cd, immaginavo un mondo intimo e allora la realizzazione è stata pianoforte e quartetto d’archi. In questo caso la tecnologia viene usata solo per registrare, ma il pianoforte e gli archi sono veri e tutto è suonato. Questo ultimo album “Apnea”, invece è molto più arrangiato. Alessandro Boriani a cui devo gli arrangiamenti, ha fatto uso di elettronica mista a strumenti bandistici e al mio inseparabile pianoforte ottenendo delle sonorità piuttosto inusuali, credo.

D. In quali progetti sarai prossimamente impegnata?

S.P. Stiamo preparando il nuovo concerto-teatrale “Apnea”che partirà credo in autunno. Un misto tra musica, installazioni e teatro... non è facile per me descriverlo. Poi andremo avanti con lo spettacolo “Il saltimbanco e la luna”su Jannacci, ormai sulle scene da due anni e mezzo e sto scrivendo un libro sulla musica come stile di vita, quasi una terapia, che uscirà più o meno a marzo.

D. Come trovi la scena musicale se dovessi paragonarti  ai colleghi del tuo genere ?

SP. Trovo che ci siano diverse cose interessanti in giro, ma tutto quello che è innovativo non passa dai
consueti mezzi di comunicazione. Questo è abbastanza ovvio e anche naturale. Vale per tutti i tipi di merce in circolazione. Se vuoi qualcosa di diverso dal massificato, devi andartelo a cercare con molta pazienza. Questo tipo di sistema ha l’effetto positivo che tutti oggi, almeno nel mondo occidentale hanno da mangiare e da vestire, anche se spesso stracci o cibo non del tutto sano. Però si vestono e mangiano. L’effetto negativo è che ( e questo è rimasto esattamente come in passato), la roba buona costa e non è alla portata di tutti. 

Susanna Parigi – L’attenzione

 

Leggi tutto...

Meriam è libera. L'oscurantismo va combattuto con il dialogo

Meriam è libera. Atterra oggi in Italia, con il marito, i figli Martin, due anni, e Maya nata lo scorso 27 Maggio in carcere. Ad accoglierla il premier Renzi, sua moglie Agnese ed il ministro Federica Mogherini. L’Italia si è battuta in prima linea per scongiurare la pena di morte cui lo scorso 12 Maggio Meriam Yahia Ibrahim Ishag, 27 anni sudanese cristiana, era stata condannata per apostasia ed adulterio.

Leggi tutto...

Carceri. Ok da camera a Dl. Ecco cosa cambia

  • Pubblicato in Cronaca

ROMA - Indennizzi ai detenuti sottoposti a trattamento inumano e stretta sulle misure cautelari. Via libera della Camera al decreto legge sulle carceri, che ora andrà al Senato per il voto definitivo. Il provvedimento completa il 'pacchetto normativò già approvato nei mesi scorsi in risposta alla sentenza «Torreggiani» della Corte europea dei diritti dell'uomo che ha condannato l'Italia per la situazione delle carceri.

Leggi tutto...

Immigrazione. A Lampedusa la veleggiata dei diritti umani di Amnesty International

ROMA - Venerdi’ 25 luglio, con la prima “veleggiata per i diritti umani”, le attiviste e gli attivisti che stanno partecipando al campo per i diritti umani di Amnesty International Italia a Lampedusa chiederanno ai leader dell’Unione europea (Ue) di rispettare i diritti di migranti, rifugiati e richiedenti asilo e fermare le sempre piu’ numerose morti in mare.  

Leggi tutto...

Riforme costituzionali, il terreno dello scontro e della divisione

ROMA - Ormai più che alla palude siamo al guazzabuglio: nella confusione massima, in cui tutti gli elementi si confondono. E una ragione c'è. Purtroppo le riforme costituzionali sono divenute in Italia – non da oggi – il terreno dello scontro, delle prove di forza, della massima divisione. È avvenuto nel 2001, nel 2005-2006, nel 2014. Proprio nella legislatura in cui più frequenti sono stati e ancora sono – da parte delle diverse forze politiche – i richiami al “cambiamento” si consuma uno scontro già visto con metodi e contenuti già abusati. Niente di nuovo, insomma.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208