Venerdì, 26 Maggio 2017 11:19

Egitto. Amnesty denuncia azioni contro attivisti politici

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Amnesty International ha denunciato l'aumento della repressione nei confronti degli attivisti dell'opposizione egiziana, in vista delle elezioni presidenziali che si terranno nel 2018.  Nelle ultime settimane sono stati arrestati, in 17 diverse città, almeno 36 esponenti di cinque tra partiti di opposizione e gruppi politici giovanili, molti dei quali per aver pubblicato post sulle elezioni. 

Tra le persone prese di mira c'è anche l'ex candidato alle presidenziali del 2012 e noto attivista per i diritti umani Khaled Ali. Arrestato il 23 maggio e rilasciato il giorno dopo su cauzione, sarà processato il 29 maggio per "violazione della morale pubblica". Rischia una condanna a un anno di carcere o a una multa, cosa che gli impedirebbe di candidarsi nuovamente alle elezioni.

"Le elezioni non si svolgeranno prima del 2018 eppure le autorità egiziane sono già al lavoro per stroncare ogni possibile candidatura che possa mettere in pericolo il loro attaccamento al potere", ha dichiarato Najia Bounaim, direttrice delle campagne di Amnesty International per l'Africa del Nord.

"L'arresto e il processo di Khaled Ali sono chiaramente motivati da ragioni politiche. Le autorità egiziane devono ritirare l'assurda accusa mossa contro di lui e porre fine alla campagna diffamatoria nei suoi confronti", ha aggiunto Bounaim.

Khaled Ali è il fondatore di Aish we Horreya (Pane e libertà), uno dei partiti colpiti dai recenti arresti. Avrebbe "violato la morale pubblica" facendo un gesto con la mano durante una manifestazione tenuta a gennaio di fronte al Consiglio di stato, che aveva appena annullato la decisione del governo di cedere all'Arabia Saudita due isole del mar Rosso.

Amnesty International ha parlato di questo giro di vite di maggio con 13 avvocati, quattro ricercatori sui diritti umani e 14 familiari degli arrestati.  

In almeno 29 casi gli arresti sono avvenuti in casa all'alba, da parte dell'Agenzia per la sicurezza nazionale.

Quattro avvocati per i diritti umani che rappresentano nove arrestati hanno riferito ad Amnesty International che le prove contro i loro clienti comprendono post di Facebook, vecchi manifesti politici e volantini.

Almeno 26 persone sono tuttora agli arresti per capi d'accusa derivanti dalla vaga normativa antiterrorismo, tra cui la presunta appartenenza a gruppi che intendono rovesciare il governo, oppure per "offesa al presidente" attraverso i social media o "abuso delle piattaforme social".

Rischiano da cinque a 25 anni di carcere.

Due arrestati sono stati rilasciati su cauzione e sei altri senza cauzione. 

Il 24 maggio le forze di sicurezza hanno arrestato altri due esponenti del partito Dostour dei quali non si hanno ancora notizie.

"Il numero delle persone arrestate e quello delle città coinvolte indica che si è trattato di un'azione repressiva coordinata e questo rende la situazione ancora più preoccupante. Le autorità stanno usando senza vergogna le leggi antiterrorismo per colpire anche giovani attivisti politici che criticano su Facebook il presidente al-Sisi", ha commentato Bounaim.

Fanno parte degli arrestati sette militanti ed ex militanti del Movimento giovanile 6 aprile, due fondatori del quale hanno passato tre anni in carcere dal 2013 al 2016, seguiti ora da tre anni di misure cautelari; quattro esponenti del partito Dostour, uno dell'Alleanza popolare socialista e un altro della Corrente popolare egiziana, partito in fase di registrazione e sostenuto da Hamdeen Sabahi, candidato alle presidenziali del 2014 vinte da Abdelfattah al-Sisi con quasi il 97 per cento dei voti e segnate da arresti e violenze contro i sostenitori di Sabahi.

Il 19 maggio il ministro dell'Interno ha dichiarato dalla sua pagina Facebook che erano state arrestate 40 persone per "reati online" tra cui l'uso dei social media per "incitare alla violenza".

Il parlamento egiziano sta esaminando una controversa proposta di legge per limitare l'accesso a piattaforme online come Twitter e Facebook attraverso l'obbligo di registrare gli account presso il governo. L'uso non autorizzato dei social verrebbe punito con sei mesi di carcere e una multa di circa 200 euro.

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 70. A sorpresa vince “The square”. Tutti i premiati

CANNES -  La giuria del  Festival Internazionale del Film di Cannes  presieduta da Pedro Almodovar e composta da Maren Ade, Jessica Chastain, Fan Bingbing, Agnès Jaoui, Park Chan-wood, Will Smith, Paolo Sorrentino, Gabriel...

Redazione - avatar Redazione

Cultura

Coaching Cafè

Networking, non solo un sistema per conoscersi, ma un posto dove realizzare “cos…

Non solo coaching: networking, non solo un sistema per conoscersi, ma un posto dove realizzare “cose”. Appartenere ad una rete di contatti, costituisce oggi la base per molte delle nostre...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

L’amaro frutto della Brexit

Nel mondo della finanza e delle grandi istituzioni bancarie cresce il turbinio di accuse incrociate contro chi sarebbe il primo responsabile di un’eventuale nuova crisi globale. Se fossero solo commenti...

Mario Lettieri  e Paolo Raimondi   - avatar Mario Lettieri e Paolo Raimondi

Il quarto livello delle mafie

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: "Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208