Mercoledì, 07 Marzo 2012 20:09

8 marzo. Poche righe da uomo e figlio di quei se, nonostante sia UOMO

Scritto da
Rate this item
(4 votes)

Mi vergogno, spesso, perchè dietro la fila sostano i penultimi, perchè gli ultimi hanno già lasciato la terra



mi vergogno, spesso, perchè dietro un vestito
strappato con forza c'è una vita violentata per sempre, un  tempo
infinito senza ritorno

mi vergono, spesso, perchè dietro uno sguardo
ci sono mani e segni che non si vedono ma sentono

mi vergogno, spesso,
perchè dentro un trucco c'è una vita al buio che non si immagina

mi
vergogno, spesso, allorquando i profumi di primavera marciscono dietro
inutili grovigli melmosi

mi vergogno, spesso, quando dietro una scelta
c'è l'obbligo di dover fare

mi vergogno, spesso, perchè non posso essere ciò che sono, nè fare ciò che vorrei

mi vergogno, spesso, quando sul tram si diffonde una musica che nessuno ha chiesto

e poi mi vergogno, quando finito di correre per la città non ricordo quanto tempo è trascorso dal tuo ultimo sorriso

mi vergogno, spesso, perchè non sono capace, non più, di vergognarmi, piangere e soffrire

e se mi
vergogno perchè ora che ho finito di scrivere il mio elenco mi rendo conto che la vergogna è un sentimento che non ha più valore, beh allora, smetto di scrivere, pensare, urlare e mi accodo al treno dei senza tempo, nei volti grigi della strada, nelle maschere del circo, in quelle identità disperse nei vicoli bui dei sotterranei, forse là sarà più facile capire che senza vergogna, nessun uomo sarà mai veramente libero di essere dentro la storia; ma forse, in fondo, a vergognarsi sono sempre gli stessi che non si parlano più, perchè hanno finito, o messo da parte, le parole ed ora, al sole, come vittime dei palazzi corrotti e fumanti olezzo, aspettano il tempo di un nuovo tempo senza tempo.....nell'orizzonte dell'inifinito, è là che non si spegnerà mai la fiamma della nostra coscienza....ma qui, nell'orizzonte del finito, tutto è racchiuso in un fazzoletto macchiato di sangue, terra arsa e  pestilenze a cielo aperto.

Ma in fondo, è solo una postilla al nichilismo dell'umanità, perchè la follia, quella è altra cosa ancora, amica mia!

Read 5925 times Last modified on Mercoledì, 07 Marzo 2012 20:59

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 71. Cate Blachett: “Quale Presidente di giuria non posso che sentirmi umi…

CANNES - L’attrice australiana Cate Blanchett presiederà la 71ma edizione del festival di Cannes che cadrà nel maggio 2018. “Torno a Cannes dopo anni come attrice e produttrice, per le...

Redazione - avatar Redazione

Cultura

Opinioni

Garrincha e Audrey Hepburn: il giorno in cui morì la bellezza

Per una di quelle strane coincidenze della vita, a dieci anni l'uno dall'altra, ci hanno detto addio Garrincha, funambolo brasiliano così chiamato in quanto i suoi passi in campo somigliavano...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Morire come un insetto

La vita media nei paesi sviluppati si è allungata. Per quelli che vivono in Europa o negli Stati Uniti d’America o in Giappone, raggiungere la terza età e oltre è...

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077