DIRITTI UMANI

Al termine di una ricerca basata su decine di interviste a vittime e a testimoni oculari di violazioni dei diritti umani, Amnesty International ha denunciato che tra gennaio e maggio del 2017 decine di migliaia di civili della regione sudsudanese dell’Alto Nilo sono stati costretti a lasciare le loro case, incendiate, bombardate e saccheggiate dalle forze governative.  

Published in Diritti Umani
Mercoledì, 13 Luglio 2016 09:56

Sud Sudan, italiani rientrano con volo militare

JUBA - Un volo militare italiano è decollato da Juba con a bordo gli italiani che volevano lasciare la capitale del Sud Sudan.

Published in Brevissime
Lunedì, 11 Luglio 2016 07:31

Sud Sudan Onu, fermare le violenze

 NEW YORK - Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha votato all'unanimità una dichiarazione in cui si chiede l'immediata cessazione delle violenze nel Sud Sudan, che negli ultimi giorni ha provocato la morte di oltre 200 persone, chiedendo che nel travagliato Paese africano siano inviati più caschi blu e condannando anche ogni attacco contro i siti dell'Onu.

Published in Brevissime
Sabato, 09 Luglio 2016 15:55

Scontri nel Sud Sudan. Carneficina a Juba

JUBA - Sarebbero morte ben 146 persone negli scontri scoppiati ieri sera nei pressi del palazzo presidenziale a Juba, capitale del Sud Sudan, alla vigilia del quinto anniversario dell''indipendenza dal Sudan.

Published in Mondo

ROMA - "Il governo italiano si impegni per fermare i nuovi bombardamenti in Sudan e usi la sua influenza per chiedere il rispetto dei diritti umani nel Paese".

Published in Politica

ROMA - Decine di bombardamenti, 73mila nuovi sfollati, centinaia di vittime in poco più di venti giorni, la ripresa degli stupri di massa in Darfur, usati come arma di guerra e l'escalation della repressione contro la libertà di stampa in tutto il Sudan.

Published in Diritti Umani

ROMA  - Circa 250.000 bambini sono minacciati dalla fame in Sud Sudan a causa della guerra in corso da 18 mesi. Questo l'allarme lanciato oggi dall'ex capo Onu per gli aiuti, Toby Lanzer, espulso dalle autorità di Juba all'inizio del mese.

Published in Diritti Umani

 

ROMA- La sudanese cristiana Meriam Isha, che era stata condannata a morte per apostasia ed era stata quindi scarcerata dalle autorità di Khartoum, è in arrivo a Roma su un volo di Stato del governo italiano. La accompagna il sottosegretario agli Esteri Lapo Pistelli, che aveva seguito la vicenda, sulla quale c'è stata grande attenzione del premier Matteo Renzi.

Published in Cronaca

ROMA- «Finalmente Daniel ha potuto vedere e abbracciare Maya, nata nelle prime ore del 27 maggio.

Published in Brevissime

ROMA - “Voglio esprimere la più ferma indignazione per la condanna di Meriam Yehya Ibrahim, giovane medico sudanese incinta, arrestata con il figlio di 20 mesi e condannata a morte in primo grado per essersi convertita al cristianesimo. Il no alla pena di morte va ribadito sempre, senza esitazioni''. Lo afferma il senatore del Pd Vannino Chiti.

Published in Brevissime
Pagina 1 di 3

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077