Lunedì, 14 Novembre 2016 11:37

Grecia. Sei mila minori migranti trattenuti nei centri detentivi

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

L’allarme di Save the children

ROMA - Si stima che siano 6 mila i minori che vivono in centri detentivi sulle isole greche dove, in quattro campi su cinque, i servizi sono a rischio a causa del sovraffollamento. Questi gli allarmanti dati diffusi oggi dall'organizzazione non governativa Save the Children, alla vigilia della visita di Barack Obama ad Atene il 15 novembre. A causa dei provvedimenti dell'accordo tra Unione europea a Turchia, che prevede la detenzione nei campi per la maggior parte dei nuovi arrivati, ben 16.229 rifugiati e migranti - tra cui 6 mila bambini - vivono in strutture progettate per contenerne solo 8.204. Chios e' la piu' affollata ed e' al 380 per cento della capacita', con 4.100 persone che vivono in strutture destinate ad appena 1.100. 

Samos e' al 321 per cento della capacita', Kos al 199 per cento e Lesbo al 174 per cento. "Molti bambini, compresi i minori non accompagnati e dei bambini con disabilita', attualmente vivono in squallide condizioni di sovraffollamento nelle isole greche. Alcuni di loro sono costretti a vivere in tende sulla spiaggia e usare bagni sporchi, con il conseguente rischio di contrarre malattie. Inoltre, per loro e' minore la possibilita' di accedere ai servizi di base e protezione", ha detto Andreas Ring, rappresentante di Save the Children in Grecia.

"Con l'inverno alle porte, le condizioni continueranno a deteriorarsi e potremmo trovarci davanti a persone che dormono nei parchi senza alcun riparo, in tende allagate e distrutte e assistere ad un aumento dei problemi di salute mentale e fisica. Non si scorge alcuna soluzione, i bambini potrebbero ancora essere bloccati in questi campi per mesi". 

Il sovraffollamento, insieme alle lentissime procedure per l'asilo, stanno inoltre creando un clima di grande tensione nei campi che sta portando a proteste regolari, spesso violente. In ogni caso, non c'e' al momento alcuna condizione di sicurezza per i bambini che spesso vengono coinvolti in questi episodi di violenza. L'organizzazione chiede a Barack Obama e agli altri leader mondiali di fare di piu' per garantire la sicurezza di minori migranti in tutto il mondo, inclusa la Grecia. "All'Obama Summit sui rifugiati dello scorso settembre, a cui hanno preso parte i leader mondiali, alcuni importanti passi avanti sono stati compiuti per cercare di migliorare la vita dei rifugiati in tutto il mondo, ma ancora molto c'e' da fare", continua Ring. 

 "Speriamo che, nel suo discorso di domani in Grecia, il presidente Obama si appelli agli stati membri dell'Unione europea ricordando loro gli impegni presi in quell'occasione e li spinga a migliorare concretamente la vita dei minori migranti in Grecia. Invece di ricorrere a espulsioni e centri di detenzione, gli stati membri dell'Ue dovrebbero condividere la responsabilita' di aiutare le famiglie e i bambini che sono in fuga da violenza e distruzione". 

"E' assolutamente inaccettabile che i bambini e le loro famiglie vivano in campi affollati, in condizioni ben al di sotto degli standard internazionali. Per mitigare la congestione, l'Ue dovrebbe sostenere la Grecia affinche'  quante piu' persone possibile, a partire da quelle piu' vulnerabili, siano trasferite in campi sicuri e aperti sulla terraferma. Inoltre, l'iter delle domande di asilo e dei programmi di relocation e riunificazione familiare", ha aggiunto il rappresentante dell'Ong. Dall'agosto 2015, Save the Children lavora per fornire assistenza a bambini e adulti di tutta la Grecia, con interventi sulle isole di Lesbo, Chios, Samos, Leros e Kos, e sulla terraferma nella regione Attika (Atene) e nel nord della Grecia.  

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Cultura

Opinioni

Se il terrorismo si accanisce contro i giovani

La povera Valeria Solesin nella mattanza del Bataclan a Parigi, Fabrizia Di Lorenzo a Berlino e adesso i ragazzi accorsi a Manchester per seguire il concerto di Ariana Grande: non...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Divorzio e separazione: ecco cosa cambia

La recente sentenza della prima sezione civile della Cassazione (n. 11505/17) conferma le decisioni dei due gradi di giudizio precedente ed esclude il diritto della ex-coniuge all’attribuzione dell’assegno divorzile in...

Andrea R. Catizone - avatar Andrea R. Catizone

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208