Menu
Parigi, uomo armato di coltello contro polizia alla Gare du Nord

Parigi, uomo armato di coltello contro polizia alla Gare du Nord

Nessun ferito, l'uomo è stato fermato senza opporre resitenza. In...

Jack Nicholson. Una vita di otto decadi

Jack Nicholson. Una vita di otto decadi

Jack Nicholson è venuto al mondo il 22 aprile 1937...

Il cuneo fiscale è sceso di 13,3 miliardi

Il cuneo fiscale è sceso di 13,3 miliardi

Negli ultimi 3 anni il cuneo fiscale è diminuito in...

Ambra Jovinelli. “Dal vivo sono molto meglio”: cinquanta sfumature della Minaccioni

Ambra Jovinelli. “Dal vivo sono molto meglio”: cinquanta sfumature della Minaccioni

ROMA - Paola Minaccioni è senza dubbio un’attrice talentuosa ed...

Grecia: premier Tsipras contro i creditori internazionali

Grecia: premier Tsipras contro i creditori internazionali

ATENE - I creditori internazionali della Grecia dovrebbero "mettere fine...

Iraq: Mosul, liberata 11enne yazida rapita dallo Stato islamico

Iraq: Mosul, liberata 11enne yazida rapita dallo Stato islamico

MOSUL  - Le forze irachene hanno liberato una bambina yazida...

Francia, attentato alla vigilia del voto. Allarme terrorismo

Francia, attentato alla vigilia del voto. Allarme terrorismo

PARIGI - La Francia e Parigi ripiombano in un incubo...

Università Tor Vergata di Roma. Elena Bonelli in un seminario sulla storia della canzone romana

Università Tor Vergata di Roma. Elena Bonelli in un seminario sulla storia della canzone romana

Elena Bonelli, paladina della cultura romana prosegue la sua attività di...

Venezuela, salgono a 3 le vittime di proteste: ucciso anche militare

Venezuela, salgono a 3 le vittime di proteste: ucciso anche militare

CARACAS - Sale a tre morti il bilancio delle vittime...

La vicenda del Grande nella Turchia del “sultano”

La vicenda del Grande nella Turchia del “sultano”

Il giornalista, blogger e documentarista Gabriele Del Grande, è ancora...

Prev Next

Migranti. L’Italia e la Ue giocano sulla vita delle persone

Migranti. L’Italia e la Ue giocano sulla vita delle persone

ROMA - Nei primi giorni di febbraio, abbiamo assistito con crescente preoccupazione ad una sequenza di annunci e decisioni che indirizzano la politica migratoria dell’Italia e dell’Unione Europea in una direzione opposta a quella auspicata da Interosos e dai principali attori umanitari.

Prima il varo, da parte del ministero degli esteri italiano, di un Fondo per l’Africa sganciato da qualsivoglia logica strutturale di sviluppo ed esplicitamente destinato al contenimento dei flussi nei paesi di transito. Poi l’accordo Italia - Libia che rilancia il Trattato di amicizia siglato nel 2008 da Berlusconi e Gheddafi per bloccare le partenze dalle coste libiche, in un contesto in cui i diritti umani dei Migranti sono oggi probabilmente ancora più a rischio di dieci anni fa. Infine, il vertice dei leader dell’Unione Europea a La Valletta che oltre a sostenere le decisioni italiane, rilancia la centralità dell’accordo Ue - Turchia e del modello “soldi in cambio del blocco delle frontiere”

Quello cui stiamo assistendo è un gioco spregiudicato nel quale l’Unione Europea, in nome di calcoli di corto respiro, sta smarrendo la bussola dei propri principi fondamentali. Un gioco ipocrita nel quale il riferimento marginale al rispetto dei diritti umani si scontra con la realtà di paesi, a partire dalla Libia, segnati da violazioni continue, generalizzate e totalmente fuori controllo dei principi basilari del diritto internazionale. “Prima di firmare certi accordi - dichiara Kostas Moschochoritis, Segretario Generale di INTERSOS - vorremo invitare i leader dell’Unione europea a visitare i centri di detenzione dei paesi che stanno finanziando o di leggere alcune testimonianze di Migranti che hanno dovuto subire le cure delle forze di sicurezza locale. Forse ne uscirebbero cambiati”. 

A morire, in questo gioco spregiudicato e ipocrita sulla pelle delle persone, è il valore centrale dell’aiuto umanitario, la tutela della dignità umana, così come l’obiettivo più profondo della cooperazione allo sviluppo, il sostegno alla crescita economica e sociale attraverso la solidarietà tra i popoli e l’integrazione tra culture e realtà diverse. Principi che consideriamo ancora la base di un’efficace gestione dei fenomeni migratori e che ci impegniamo a rilanciare nella nostra azione quotidiana.

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208