Mercoledì, 05 Ottobre 2016 16:00

"We animals": a Torino siamo tutti animali Featured

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Alla GAM 40 scatti della fotoreporter canadese Jo-Anne McArthur, ne raccontano il mondo tra un un estremo e l'altro: dai mattatoi e gli istituti di ricerca, dove vengono torturati e massacrati, ai santuari dove i fortunati salvati trovano una nuova vita, cure e libertà

TORINO - Sono soltanto quaranta scatti, ma riescono a raccontare il mondo contrastato e controverso degli animali. Da un lato quelli sfruttati negli allevamenti intensivi o torturati per una ricerca spesso inutile o, al meglio, infruttifera, dall’altro quelli salvati e tutelati nei santuari sempre più diffusi in tutto il mondo, dove gli uomini hanno imparato a curarsi di loro ed ad offrire loro una vita dignitosa e rispettata, spesso dopo anni di maltrattamenti e di sofferenze inaudite.

È il mondo degli animali raccontato dalla fotoreporter canadese Jo-Anne McArthur che nella mostra We animals, fino al 9 ottobre alla GAM - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino in occasione del festival Torino Spiritualità e curata da Armando Buonaiuto e Valentina Sonzogni, presenta quaranta fotografie selezionate tra le migliaia di immagini che costituiscono il progetto We Animals, un archivio di ritratti di animali in allevamenti, laboratori, circhi, acquari, mercati, insieme a quelli di animali ospiti in santuari e immortalati nei loro habitat naturali.

«Nel corso del mio lavoro di fotoreporter ho incontrato centinaia di migliaia di animali – spiega Jo-Anne McArthur – Ho incontrato animali che hanno patito sofferenze inimmaginabili e altri abbastanza fortunati da avere amici umani che si prendessero cura di loro. Sono stata nel cuore di stabilimenti di allevamento intensivo e di laboratori di sperimentazione medica, costruiti per spremere tanto più profitto quanto meno spesa possibile - di sforzo, dolcezza o denaro - dagli animali le cui vite vi iniziano e finiscono. Ma ho anche trovato persone e organizzazioni che offrono dedizione, affetto e risorse per nutrire e guarire quelli che erano stati abbandonati ed erano ormai allo stremo. Ho visto totale indifferenza e straziante compassione, ignoranza inconsapevole e tortura deliberata. Mi sono ritrovata in un mondo di sbarre, lezzo e disperazione; ma anche di vasti spazi e terra, di aria fresca e speranza. “We Animals” è il mio tentativo di rendere onore a quegli straordinari individui, umani e non, che ho incontrato durante il cammino».

Il saggio fotografico del progetto We Animals è pubblicato in Italia da Safarà Editore (Noi animali, 2015).

«Molte delle foto di Jo-Anne McArhur sono istantanee di sguardi non umani rivolti alla camera: occhi spaventati, smarriti, rassegnati, frustrati, angosciati, fiduciosi... – spiegano i curatori Armando Buonaiuto e Valentina Sonzogni - Ciascuna sua immagine è una provocazione al modo in cui abitiamo e possediamo il mondo che dagli animali abbiamo ereditato».

Vademecum

Dal 28 settembre al 9 ottobre
GAM - Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino
Mostra fotografica
We Animals / Noi Animali
di Jo-Anne McArthur
a cura di Armando Buonaiuto
GAM Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea - via Magenta 31, Torino
Da martedì a domenica dalle 11.00 alle 19.00 (la biglietteria chiude un’ora prima)
A partire dal 3 ottobre: da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00
Chiuso lunedì
Info +39 011 4429518

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077