Menu
Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

Teatro Quirino. “Puntila e il suo servo Mati” di B. Brecht. 4-9 aprile

ROMA - Considerata una delle migliori commedie di Brecht, scritta...

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Enrico Letta, l'eurottimista critico

Riflessioni sul nuovo libro di Enrico Letta e sul futuro...

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

Teatro Manzoni. “La notte della Tosca”. Da non perdere

“La notte della Tosca” è una tragicommedia intelligente sulla precarietà...

Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

LONDRA  - Solo nella mattina e' tornata una relativa calma...

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del  magico Moscow State Ballet

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del magico Moscow State Ballet

ROMA - È una di quelle arti che conservano un...

Terrorismo, a un anno dagli attacchi di Bruxelles

Terrorismo, a un anno dagli attacchi di Bruxelles

BRUXELLES - Un anno dopo gli "spaventosi attacchi" del 22...

Prev Next

Articoli filtrati per data: Domenica, 16 Novembre 2014

“Chi è Dayani Cristal?” L’odissea di un migrante dal centroamerica agli States. Recensione. Trailer

ROMA - La Polizia di Frontiera dell'Arizona trova un morto nel deserto di Sonora. Non ha documenti, non è possibile identificarlo,  è in decomposizione: unico indizio i nomi tatuati sul suo torace, Dayani Cristal. Nel frattempo  un team forense, interroga  le tracce misteriose della sua avventura. La pellicola ha il fascino degli intrighi noir, pur mantenendo la sua identità di denuncia civile.

Chi è Dayani Cristal? E’ un film-inchiesta che si svolge tra la frontiera del Messico e degli Stati Uniti, mescolando  lingue  e culture, per far  parlare gli ultimi, quali testimoni del nostro tempo. La storia è quella dell'emigrazione dei popoli centroamericani verso gli States.  Il lungometraggio prende a simbolo un figlio, un padre e un marito che voleva attraversare il confine messicano in cerca della terra promessa: John Doe. Interpretato da Gael Garcia Bernal ne seguiamo l’odissea a piedi, sul tetto di un treno merci, lungo il fiume, scoprendo che in Honduras John Doe aveva una madre, un padre, una compagna e tre bambini. 

La frontiera è la linea di demarcazione tra due civiltà, due modi di vivere e morire.  Chi è Dayani Cristal?  Racconta di una umanità senza rete, corpi affamati e ammassati sulla stessa barca, che a volte trovano pietas cristiana albergati da un sacerdote.   Gael García Bernal recita la preghiera del migrante, tocco di rara sensibilità laddove si incrociano povertà e violenza.  Bernal dà  fisionomia, storia, volto, a persone invisibili in vita e in morte. Uomini che tuttavia, così come recita il film, possono cambiare il corso della nostra storia.

Titolo originale: 

Who is Dayani Crystal?

Nazione: 

Regno Unito, Messico

Anno: 

2013

Genere: 

Documentario

Durata: 

84'

Regia: 

Gael García Bernal, Marc Silver

Sito ufficiale:   whoisdayanicristal.com

 

Cast: 

Gael García Bernal

Produzione: 

Pulse Films, Canana Films, Canana USA, Candescent Films, Rise Films

Distribuzione:   P.F.A. Films

Data di uscita: 

Roma 2013
20 Novembre 2014

Chi è Dayani Cristal - Trailer

 

Leggi tutto...

Isis, decapitato l’ostaggio americano Peter Kassig

ROMA - E’ stato decapitato l’ostaggio americano convertito all’Islam, Peter Kassig. L’Isis ha diffuso un video in cui mostra l'uccisione dell'ostaggio in Siria. Kassig, 26 anni, era stato rapito il primo ottobre dello scorso anno mentre si recava a Deir Ezzoir, dove era impegnato come operatore umanitario. La prima volta era partito per la prima volta per il Medio Oriente come soldato. Mentre era tenuto in ostaggio si era convertito all'islam.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208