Lunedì, 15 Maggio 2017 10:18

Insegnare matematica come arte sviluppa entrambi lati del cervello

Scritto da

ROMA - "La matematica deve essere insegnata come una materia artistica". Ne e' convinto Aldo Reggiani, presidente di 'Spettacoli di matematica', l'associazione di promozione sociale formata da attori professionisti ed ingegneri che dal 2009 promuove spettacoli teatrali di matematica per emozionare bambini e ragazzi.

"Nel 2015 abbiamo fondato anche una casa di produzione cinematografica che si chiama 'Feel Center' e con essa abbiamo prodotto due film di matematica, divertenti e artistici: 'Una magia saracena' per un pubblico dagli 11 ai 14 anni, gia' visto da piu' di 70 mila giovani; 'Il giardino dei numeri' per bambini dai 6 ai 10 anni, realizzato in collaborazione con l'Opera nazionale Montessori perche' il genio di Maria Montessori ci ha insegnato che la matematica bisogna impararla con le mani e con il cuore". E con questo spirito 'Spettacoli di matematica' e l'Istituto di Ortofonologia di Roma (IdO) saranno impegnati dal 25 giugno al 1 luglio nel 'Talent camp' a Cinecitta' World a Roma. Una settimana di divertimento, scoperte e crescita per bambini e ragazzi ad alto potenziale in cui i minori plusdotati verranno coinvolti nei laboratori emotivi e di 'CineMATHS'. "Dobbiamo insegnare a tutti i ragazzi, anche a quelli con alto potenziale intellettivo, ad utilizzare sia il lato sinistro che quello destro del cervello. Il lato sinistro e' quello dei conti, il destro dei racconti. Se non sono sviluppati entrambi- avvisa l'ingegnere umanista- manchera' l'equilibrio e alla fine nascera' una grande fragilita' sia emotiva che, successivamente, nel mondo del lavoro". Il presidente di 'Spettacoli di matematica' ricorda che "l'Italia e' precipitata all'ultimo posto tra i primi 40 paesi sulla matematica. Purtroppo quando andiamo nelle scuole e nelle famiglie sentiamo sempre che e' la peste nera. Vorrei che la matematica venisse abbinata alla poesia, alla musica, all'arte, al teatro e al cinema". In cosa consistono gli spettacoli teatrali di matematica? "Mettono in scena concetti di matematica e di problem solving. Noi proponiamo le equazioni ballate, rendiamo la matematica non solo visibile ma anche artistica. Insegniamo facendo vedere il lato emozionale della materia, come se si trattasse di un'opera d'arte. Quando facciamo un'equazione non puntiamo sul risultato ma sul ragionamento- spiega l'ingegnere- che deve dare soddisfazione". - Come siete arrivati a lavorare per il 'Talent Camp'? "Una mamma il cui figlio plusdotato aveva visto il film 'Una magia saracena' ci ha chiesto se potevamo fare qualcosa con i bambini ad alto potenziale. Abbiamo pensato che se mettiamo direttamente i bambini a produrre dei film divertenti di matematica, prendiamo tre piccioni con una fava: per loro e' interessante far parte di un film poiche' imparano cos'e' la costruzione di un prodotto multimediale; avviciniamo i bambini alla matematica, vista come una forma di arte; infine, la condivisione. Il prodotto multimediale realizzato dai bambini plusdotati verra' messo a disposizione di tutti i bambini italiani, anche quelli meno dotati". L'associazione e' impegnata nei licei nell'ambito dei progetti di alternanza scuola-lavoro: "Consigliamo ai ragazzi di prendere un'equazione, anche difficile, poi diciamo loro di costruirci sopra una storia da trasformare in un film. Con questo lavoro non hanno perso tempo- rassicura Reggiani- hanno studiato la matematica e hanno imparato a creare dei prodotti multimediali che in futuro possono dare lavoro". Lavorano con l'ingegnere una trentina di animatori scientifici diffusi nelle varie citta' d'Italia, impegnati a portare i film nelle scuole ed a proporre un piccolo laboratorio per combattere la paura della matematica. "Una paura che nasce nella scuola primaria e che viene instillata dalle mamme e dalle maestre", sostiene Reggiani. "Le mamme hanno l'ansia della matematica e il tono con cui ne parlano induce nel bambino la stessa ansia". Purtroppo la paura si traduce nei numeri: "L'Italia ha una percentuale d'iscritti alle Facolta' scientifiche tra le piu' basse d'Europa. Parliamo di circa il 13% tra ingegneri, fisici e matematici. Se allarghiamo ai biologi, farmacisti e geologi arriviamo al 25%. Quindi- riassume- il 70% dei ragazzi scelgono le materie umanistiche (Lettere, Scienza della Comunicazione, Scienze della Formazione Primaria, Scienze Politiche e Legge). Il lavoro oggi, pero', e' nella matematica. Uber, Facebook, Arbnb sono macchine di matematica. È la matematica che dara' il lavoro e la liberta' ai giovani". - Da dove viene questa paura? "Parte dalle scuole primarie, ma e' nella secondaria inferiore che i ragazzi arrivano a pensare di non essere portati. Scelgono un percorso di studi che li portera' al call center ma non in Italia, in India. Le famiglie si devono rendere conto che se si distraggono nel periodo 7-13 anni dei loro figli, dopo non dovranno lamentarsi se a 35 anni i figli non avranno un lavoro. La nostra missione e' salvare quanti piu' giovani possibile". - E' iniziata da poco la coproduzione di un terzo film con la Rai, 'La direzione del tempo': "Mettiamo in scena le 5 equazioni che hanno cambiato il mondo e se i giovani le impareranno saranno automaticamente ingegneri. Cinque equazioni importanti e talmente belle da essere delle opere arte". Per chi fosse interessato, la partecipazione al 'Talent Camp' e' riservata ai bambini dai 6 anni (che abbiano frequentato nell'anno scolastico 2016/17 dal primo al quinto anno della scuola primaria) ai 14 anni (che abbiano frequentato nell'anno scolastico 2016/17 dal primo al terzo anno della scuola secondaria di primo grado). I partecipanti dovranno avere una documentazione che attesti una valutazione cognitiva che li collochi nella fascia della dotazione intellettiva, top 5% o dal 95° percentile in su (Quoziente intellettivo o Indice abilita' generali maggiore o uguale a 120). Le iscrizioni al TALENT CAMP saranno aperte fino al 22 maggio.  

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Dall'Austria un allarme da non sottovalutare

Chiunque conosca la biografia di Hitler sa che il futuro Führer non era tedesco bensì austriaco e sa anche che se c'erano due paesi in cui l'antisemitismo la faceva da...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Passione animale

Stop al santuario per la riproduzione delle balene nell'Oceano Atlantico

Il Giappone vince ancora e il summit mondiale in Slovenia vota “no”. «È un’enorme delusione - spiega Kitty  Block di Humane Society International - hanno vinto nuovamente quelle nazioni con un...

Maria Grazia Filippi - avatar Maria Grazia Filippi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208