Menu
Serve ancora ricordare e celebrare il 25 aprile?

Serve ancora ricordare e celebrare il 25 aprile?

ROMA - Ogni anno torna la stessa domanda, qualcuno la...

Jobs Act: ecco chi ha trovato lavoro

Jobs Act: ecco chi ha trovato lavoro

Con l’avvento del jobs act gli impiegati, le segretarie, i...

Girovago e Rondella e il teatro mobile … da non perdere

Girovago e Rondella e il teatro mobile … da non perdere

Improvvisamente un autobus parcheggia nella piazza principale (e pedonale) di...

Fermiamo i signori della guerra

Fermiamo i signori della guerra

Trovo vergognosa l’indifferenza con cui noi assistiamo a una ‘guerra...

Gelato Festival Europa  parte alla conquista dell'Europa

Gelato Festival Europa parte alla conquista dell'Europa

Compie otto anni la prima manifestazione itinerante del gelato artigianale...

Corea del nord agli Usa: vi cancelleremo da cartina geografica

Corea del nord agli Usa: vi cancelleremo da cartina geografica

PYONGYANG - Un sito ufficiale nordcoreano ha avvertito gli Stati...

Elezioni Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

Elezioni Francia, Macron e Le Pen al ballottaggio

PARIGI - I risultati definitivi del primo turno delle presidenziali...

Sala Umberto. “Uno nessuno centomila”e un grande Enrico Lo Verso

Sala Umberto. “Uno nessuno centomila”e un grande Enrico Lo Verso

ROMA – “Uno nessuno centomila” è l’ultimo romanzo di Luigi...

Mattarella con Amnesty a difesa dei diritti umani

Mattarella con Amnesty a difesa dei diritti umani

ROMA - Il rispetto e la promozione dei diritti umani...

Francia. 47 milioni al voto per le presidenziali

Francia. 47 milioni al voto per le presidenziali

PARIGI - Urne aperte per 47 milioni di cittadini francesi,...

Prev Next

Buona scuola: studenti inascoltati

Buona scuola: studenti inascoltati

Resi pubblici i testi delle deleghe della Buona Scuola.

Ancora assente una legge nazionale sul diritto allo studio: gli studenti non sono stati ascoltati. Unico elemento positivo l’introduzione della media del 6 per l’ammissione all’esame di stato, proibitive però le norme che introducono le INVALSI come criterio di ammissione all’esame e accesso all’università. Apprendistato dal secondo anno delle scuole secondarie superiori, nuova forma di sfruttamento.

Studenti non soddisfatti, prime azioni di protesta nelle scuole.

“Nonostante il voto del 4 dicembre abbia espresso una domanda democratica, le nostre richieste rimangono inascoltate.” Dichiara Martina Carpani, coordinatrice nazionale della Rete della Conoscenza. “Il governo Gentiloni sta agendo in piena continuità con il governo Renzi, la direzione intrapresa non rispecchia affatto quello che gli studenti chiedono da anni.” “Ancora una volta assente la legge nazionale per il diritto allo studio. Le norme introdotte nella delega non agevolano l’inclusione reale degli studenti.” Dichiara Francesca Picci, coordinatrice nazionale dell’Unione degli studenti, che continua “I cambiamenti sull’esame di stato sono fumo negli occhi, l’unico elemento positivo è la media del 6 per l’ammissione alla prova di maturità. Riteniamo tuttavia assurdo il criterio dell’alternanza scuola- lavoro e dell’INVALSI. Inoltre è anticipato l’apprendistato per gli studenti di 15 anni al secondo anno delle scuole secondarie superiori, più sfruttamento e meno formazione. Pretendiamo il ritiro della Buona Scuola, vogliamo essere ascoltati subito.”

“Sono ormai migliaia i neolaureati che aspettano di accedere all’insegnamento, la delega sull’accesso all’insegnamento non è però finanziata, ecco perché il governo prevede l’entrata in vigore del nuovo sistema del concorso-corso solo nel 2020” dichiara Andrea Torti coordinatore nazionale di Link - Coordinamento Universitario, che aggiunge: “La scelta di attivare il concorso corso nel 2020 è da irresponsabili. E’ necessario avviare il nuovo sistema già dal 2017, oppure, in via transitoria, attivare nel 2017 un ciclo di TFA, attribuendogli valore concorsuale e garantendo a tutti i tieffini l’accesso ai benefici del diritto allo studio”.

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208