Menu
Articolo Uno fra memoria e futuro

Articolo Uno fra memoria e futuro

Un Tempio di Adriano listato virtualmente a lutto, uno Speranza...

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

Vendite di armi, poi aiuti miliardari. Le contraddizioni dei Paesi ricchi

I trasferimenti multimiliardari di armi all’Arabia Saudita da parte di...

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

SNGCI. Insieme all’Auditorium tutti gli Oscar italiani

Giuseppe Tornatore, Paolo Sorrentino, Nicola Piovani, Ennio Morricone, Roberto Benigni...

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

A Roma il 25 marzo scatta la protesta per uscire dall'euro

ROMA - Il 25 marzo 2017 ricorre il 60° anniversario...

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

Londra. Torna la calma dopo l'attentato, l'allerta rimane

LONDRA  - Solo nella mattina e' tornata una relativa calma...

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del  magico Moscow State Ballet

Teatro Quirino. “La bella addormentata” del magico Moscow State Ballet

ROMA - È una di quelle arti che conservano un...

Terrorismo, a un anno dagli attacchi di Bruxelles

Terrorismo, a un anno dagli attacchi di Bruxelles

BRUXELLES - Un anno dopo gli "spaventosi attacchi" del 22...

Francia. Fillon accusato di "falso" e "truffa aggravata"

Francia. Fillon accusato di "falso" e "truffa aggravata"

PARIGI - Si aggrava la posizione penale di Francois Fillon mentre si...

XXV Giornata mondiale dell’acqua dedicata alle acque reflue

XXV Giornata mondiale dell’acqua dedicata alle acque reflue

In Italia la maladepurazione ci costa 62,69 milioni di euro...

Musica Classica alla SalaUno

Musica Classica alla SalaUno

ROMA - Prosegue la programmazione di musica classica 2017, alla...

Prev Next

Articoli filtrati per data: Venerdì, 16 Gennaio 2015

Scuola. Edifici fatiscenti e pericolosi, un bilancio drammatico

  • Pubblicato in Scuola

ROMA - Della situazione delle scuole pubbliche in Italia si parla solo in occasione di eventi drammatici. Quando si verifica un crollo, ad esempio. Come è successo all'Istituto Nautico Giovanni XXIII di Salerno: al rientro a scuola, due giorni fa, gli alunni hanno trovato che in una delle classi era crollato il solaio (il caso ha voluto che in quel momento in aula non ci fosse nessuno altrimenti le conseguenze sarebbero state tremende). O come a S.Cipirrello, in provincia di Palermo, dove un intero piano si è allagato a causa di una perdita dall'impianto di riscaldamento (avvenuto solo pochi giorni dopo che era stato messa in funzione una nuova caldaia). O come quella dei due insegnanti di una scuola che si sono ammalati entrambi di mesotelioma…

Notizie che a volte richiamano l’attenzione dei media locali. Altre volte non se ne parla nemmeno: del resto sono notizie così comuni che i lettori ci hanno fatto l’abitudine. Sì, perché pare che le famiglie italiane si siano ormai abituate allo stato degli istituti scolastici in cui mandano i propri e siano quasi rassegante. Rassegnate di avere 24mila istituti, su un totale di 41mila, con impianti fuori uso. Più della metà delle scuole presenta gravi carenze strutturali negli impianti elettrici, idraulici o termici. E quando ci sono e sono funzionanti, spesso non rispettano le norme vigenti o sono insufficienti. A dirlo è il Censis nel “Diario della transizione”. Dai dati rilevati emerge una situazione che in nessun altro Paese europeo potrebbe essere considerata accettabile: novemila edifici sono privi di intonaco; in altri 7.200 sarebbe necessario rifare tetti e coperture.

Come mai un simile disastro? In primo luogo perché molti degli edifici destinati all’educazione dei figli degli italiani sono “vecchi”: il 15% degli istituti scolastici italiani è stato costruito prima del 1945, un altro 15% tra il 1945 e il 1960, un altro 44% risale all'epoca 1961-1980.

Ma non è solo questa la causa dello stato di degrado delle scuole italiane. Una parte della colpa, per non dire la maggior parte, è da far ricadere sulle spalle di chi ha gestito la cosa pubblica negli ultimi anni. Pare infatti che per ben 17 anni il Miur non abbia monitorato le scuole in Italia. E se non si sa “ufficialmente” qual è lo stato delle cose, non si possono decidere gli interventi da fare né, tanto meno, stanziare le somme che servono per farli. Sta di fatto che l’ultima riunione dell’Osservatorio pare sia da far risalire addirittura al 1998. Da allora non c'è più stato un organo incaricato dal ministero di monitorare gli edifici scolastici né di fornire il necessario supporto nella programmazione e attuazione degli interventi sulle scuole.

Fino ad oggi si è andati avanti a colpi di emergenze (dopo il crollo di una scuola o dopo che un terremoto aveva lasciato danni che non era possibile far finta di non vedere). Ma anche a colpi di rinvii. Il famoso decreto "milleproroghe", ha prorogato la scadenza entro cui gli enti locali dovevano affidare i lavori di messa in sicurezza e riqualificazione degli edifici, per poter beneficiare dei finanziamenti statali previsti da “decreto del Fare” (DL n. 69/2013). Cifra peraltro (150 milioni di Euro) assolutamente insufficiente a far fronte allo stato di degrado in cui si trova la maggior parte degli immobili scolastici.

Intanto, alunni, insegnati e operatori scolastici continueranno ad operare in ambienti “pericolosi”: solo nel 2014, sono stati almeno quaranta gli episodi "a rischio" nelle scuole italiane dovuti a scarsa manutenzione o simili. A dirlo è Adriana Bizzarri, responsabile scuola di Cittadinanzattiva Onlus che da dodici anni monitora il territorio: "Nel ‘96, dopo la legge Masini che istituiva l'osservatorio venivano previsti finanziamenti e criteri per distribuire fondi ma c'era alla base l'idea di individuare le situazioni più gravi e farne una mappatura oggettiva per capire l'entità dei finanziamenti”. Poi, però, i governi che si sono succeduti hanno operato in modo discontinuo e a volte contraddittorio. Risultato: mancanza di fondi per coprire le spese. Al punto che alcuni comuni e province hanno dovuto sottoscrivere mutui per l'acquisto o la manutenzione degli edifici scolastici. Mutui che poi non sono stati confermati negli anni successivi.

Senza parlare del rischio amianto che pende su molte scuole come una spada di Damocle: sebbene non se ne parli, nel Bel Paese sarebbero almeno 2mila e 400 (ma, secondo Adriana Bizzarri, potrebbero essere molte di più) le scuole dove sussiste il rischio amianto. Amianto che andrebbe rimosso o, almeno, messo in sicurezza prima che possa lasciare un segno sulla salute degli alunni e di tutti quelli che passano molte ore al giorno in quei locali. In Toscana, ad esempio, sono passati più di sette anni dall’ultimo censimento Arpa eppure, solo a Pistoia, erano stati individuati diversi siti a rischio a causa dell’amianto (e, tra questi, alcune scuole come nel caso del prefabbricato della scuola Cino). E anche quando i fondi sono stati stanziati (come nel caso del comune di Milano che ha stanziato lo scorso anno 34.650.000 di Euro per la bonifica dell’amianto in 84 scuole), i lavori procedono a rilento. Tanto che, proprio a causa dei ritardi, nel 2013 la procura aprì un inchiesta. Intanto in due insegnanti sono stati riscontrati sintomi di malattie legate all’amianto (mesotelioma).

Amianto che non si sa nemmeno da dove provenga: pare, infatti, che l’Italia abbia ha importato solo nel 2012 (ma le importazioni sono proseguite a tutto il 2014) ingenti quantità di amianto dall’India (addirittura è stato il maggiore importatore con 1040 tonnellate come sarebbe stato confermato dall’Agenzia delle Dogane). La cosa strana è che, in Italia, una legge la n.257 del 27 marzo 1992, vieta “l’estrazione, l’importazione, l’esportazione la commercializzazione di amianto di prodotti di o contenenti amianto”…

Ma di questo, come dello stato delle scuole, nessuno parla …

 

Leggi tutto...

Chi siamo

  • Pubblicato in Dazebao

Un giornale on line che si propone realmente di essere una voce “fuori dal coro”, la nostra parola d’ordine dal momento della nascita, quattro anni fa. Un giornale fatto di entusiasmo e di rigore, di passione ed equilibrio, un giornale di fatti raccontati dal di dentro, per dare voce non al potere ma a chi lotta per i propri diritti. Un giornale dove le notizie non sono solo quelle dei grandi media ma anche quelle che vivono le persone tutti i giorni, il lavoro, la scuola, le lotte per la sopravvivenza nel mondo, la povertà, le guerre. Un giornale di idee, che non nascondiamo mai ma non sostituiamo ai fatti. Perché il nostro obiettivo è proprio questo: raccontare i fatti che gli altri nascondono.

   
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011     

  • Direttore responsabile Alessandro Ambrosin - Editor in chief
  • REDAZIONE +39 393 5048930
  • Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma - P.IVA e C.F. 12082801007
  • tel 06.83800205 - fax 06.83800208

Presidente Art NewsPIETRO FOLENAgli articoli

  Direttore responsabile ALESSANDRO AMBROSIN gli articoli

  • PASSEPARTOUT VIGNETTE SATIRA POLITICA

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Se vuoi collaborare con noi scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.t

Per la tua inserzione scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Leggi tutto...

Charlie Hebdo. I funerali del direttore assassinato Charb. VIDEO

  • Pubblicato in Mondo

PARIGI - Le note dell’Internazionale e scrosci di applausi hanno accolto l’arrivo a Pontoise del feretro di Charb, il direttore di Charlie Hebdo. Oltre alla famiglia di Stephane Charbonnier, questo il nome del vignettista, alla cerimonia erano presenti praticamente tutti gli altri membri della redazione sopravvissuti al massacro.

Leggi tutto...

San Cesareo, un’idea diversa di sviluppo del territorio

ROMA - Nel 2010 a San Cesareo, alle porte di Roma, mentre si costruiva un complesso residenziale e una chiesa, vennero alla luce i resti di una Villa romana poi identificata come “La Villa di Cesare e Massenzio”. Si tratta di una scoperta  archeologica che in tutta la zona risulterebbe seconda solo a Villa Adriana, nel Comune di Tivoli, già da anni patrimonio dell’UNESCO.

Leggi tutto...

Il tribunale del Coni, Kostner squalificata per 1 anno e 4 mesi

  • Pubblicato in Sport

ROMA - Un anno e quattro mesi più mille euro di multa. E’ questa la sanzione che il Tribunale nazionale antidoping del Coni ha deciso contro la pattinatrice azzurra, per complicità nel caso di doping dell’ex fidanzato e marciatore Alex Schwazer. L’atleta altoatesina ha già annunciato che farà ricorso al Tas, il Tribunale arbitrale dello sport a Losanna.

Leggi tutto...

Teatro Sistina. “C’è qualche cosa in te”. Uno spettacolo da non perdere. Recensione

ROMA - In più occasioni Enrico Montesano ci ha raccontato di come, scherzando con Pietro Garinei, quest’ultimo gli dicesse ammiccando “quando noi non ci saremo più magari ci faranno un parcheggio, al posto del teatro”.  Per fortuna, il Sistina è ancora al suo posto e anzi, dopo un periodo di “basso profilo”, sta tornando a risplendere! 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208