Martedì, 21 Giugno 2011 16:56

Er capolinea

Scritto da

Io a Pontida ce sò annato. ‘N po’ perché nun c’avevo ‘n cazzo da fà (‘n po’ come tutti, aa fine), ‘n po’ perché mi cuggino Mario c’ha na pompa dell’ Aggip e la benza nu la paga e ‘n po’ pure perché sò mezzo leghista pure io. E già, un romano leghista, embè?!



A la fine amio fatto pace o no, noi e li polentoni? Me pare de sì. Sò venuti a Roma, se semo dati ‘n sacco de pacche e de abbracci, se semo magnati la pajata e li bucatini a la ‘matriciana, amio bevuto er vinello rosso e tutto è finito a tarallucci e vino. Come sempre d’artronne.

‘N zomma io a Pontida ce sò annato. C’è voluto na cifra pe arivà perché mi cuggino Mario è veramente un rompicojoni e se deve fermà a piscià ogni 50 chilommetri. Che poi nun è solo pe annà ar bagno. E’ pure che c’ha er radiatore mezzo bucato e quanno che se scalla troppo a situazzione rischia de fonne tutto. Quinni se ferma a rotta de collo.

Ortre ar probblema de radiatore, ce stava la questione geografica, cioè che io e mi cuggino Pontida nun sapevamo manco che stava n’ Itaglia. Semo partiti da sotto casa de Remo che pensavamo de annà ‘n Austria, figurateve n’ po’. Che poi a la fine mica ce mancava così tanto. A sapello che era na sòla c’annavamo davero n’ Austria. Armeno vedevamo du fiche.

Vabé. Semo arivati a Pontida. Tre romani leghisti, sì. Perché a la fine ce stanno ‘n sacco de cose che c’uniscono co questi: i negri che nu li volemo, i teroni che nu li volemo, li napoletani che nu li potemo vede (soprattutto mo che puzzano de monnezza). ‘N somma, ‘n sacco de belle cosette. Se ce metti pure che se magna e se bbeve bene, è facile capillo, no?

Quanno che semo arivati ar prato ce stava n’ sacco de ggente tutta vestita de verde e co la barba lunga. Nun se capiva ‘ndo finivano l’arberi e ‘ndo iniziavano i cristiani. Urlavano “se-ce-ssio-ne-se-ce-ssio-ne” e io dentro de me pensavo: “fatela n’artro po’ sta secessione. Ma nu lo vedete ‘ndo abbitate a zingari!”. Però me so stato zitto. Ché a la fine so mezzo leghista pure io, me so detto.

Aspettavamo tutti er sor Bossi. Ché da na settimana stava a dì che a Pontida je l’avrebbe cantata lui ar sor Sirvio, ché mò basta, ché a Lega ce l’ha sempre duro (artra cosa che me piace der pensiero verde) etc. etc.

Faceva n’ callo de la madonna e me n’ cominciavo pure a sbomballà, quanno a la fine ecchilo, Umbertone nostro. “Mo je le canta a sto pelato maledetto”, ho pensato. E n’ vece ha iniziato a parlà e nun se capiva n’ cazzo. Questo pare che c’ha n’accappatoio n’ bocca.
Quindi io, Mario e Remo se semo messi a urlà: “ahò-ahò-er volumeeee! Voceeeeee!”. Hanno arzato a palla e nun se capiva n’ cazzo uguale, però Remo, che è tecnologgico, c’aveva l’ AiPad e se semo sentiti tutto su SkyTg24, n’ diretta dar pratone.

Embé, che ve devo dì? A me me pare che è stata na bbella sòla. Ar pelato nu j’ha detto proprio gniente. Io me ggiravo verso i polentoni e j’ ho dicevo: “ahò, ma che sta a fa er vago?”, ma loro nun me capivano poracci. Parlano n’artra lingua. E comunque a la fine nun ha detto veramente gniente.

Vabbè che la benza nu l’avemo pagata, ma a me m’è sembrata proprio na presa per culo. E sti sfigati daje che continuavano a cantà se-ce-ssio-ne-se-ce-ssione! Allora me sò girato verso Mario e j’ho detto: “Ahò, a Ma, annamosene, no?. Se se sbrigamo nun se famo manco er traffico de rientro”. Mario m’ha capito ar volo e semo scappati via, ma appena n’ boccata l’autostrada, dopo manco 50 chilommetri, e radiatore c’ha accannato pe strada e semo dovuti tornà cor treno.

Mamma mia che pezza, ahò. C’amio messo ducento ore. E pe fa che? Pe annà a senti ste du stronzate de sto poraccio sfigato. Manco a li cani! Per fortuna che a na certa me so abbioccato e me so riacchiappato che già stavamo a Termini. Remo m’ha svejato e m’ha detto: “ahò, stamo ar capolinea”. “E già” j’ho risposto, “stamo proprio ar capolinea. Annamosene a casa che è mejo va”.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]