Martedì, 25 Settembre 2012 17:10

Obama parla all’Onu dopo Ahmadinejad, il bastone e la carota

Scritto da
Barack Obama Barack Obama

ROMA - Barack Obama si rivolge all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Quasi certamente, salvo imprevedibili crisi internazionali, si tratta del  suo ultimo discorso da Presidente degli Stati Uniti. O sarebbe meglio dire, l’ultimo discorso del suo primo mandato, almeno per come stanno andando i sondaggi preelettorali. Ma questa è un’altra storia.


Terreno insidioso, quello dell’emiciclo del Palazzo di Vetro a New York, in particolare per un presidente USA. L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, infatti, è la valvola di sfogo dei piccoli Paesi, tutti ovviamente accomunati ai grandi dal medesimo diritto di parola e di voto.
Niente a che vedere col direttorio ristretto del Consiglio di Sicurezza, dove tutti siedono a rotazione ma in cui contano solo i cinque grandi – USA, Russia, Cina, Gran Bretagna e Francia -, che vi siedono sempre di diritto e che, soprattutto, hanno lo strumento-principe di azione e coercizione che è il diritto di veto.
Un organo a dire il vero desueto e fondato su rapporti di forza attuali all’indomani della Seconda Guerra Mondiale ma ormai in parte privi di significato.
Fuori dal salotto del Consiglio di sicurezza, dunque, Obama affronta i delegati di tutto il Mondo. E lo fa con la tecnica del bastone e della carota.
Fonti della Casa Bianca  avevano anticipato che il tema dell’instabilità e delle rivoluzioni nel Mondo arabo sarà centrale nell’intervento del Presidente, che ribadirà l’impegno degli Stati Uniti per una transizione pacifica e democratica di quei Paesi e per una pace duratura a livello globale.
Obama parla di speranze comuni, di obiettivi comuni, sottolineando l’empatia del cosiddetto “Mondo occidentale” con quello arabo e la sua voglia di riscatto sociale e sviluppo economico.
Per Obama sarà comunque anche una sorta di ulteriore tribuna elettorale in vista delle presidenziali di novembre, in cui verranno delineati i progetti e gli approcci della sua politica estera futura.
Con molta probabilità, alla carota dell’impegno per la pace e la stabilità e della comprensione e vicinanza con le popolazioni arabo-mediorientali, seguirà il bastone per l’Iran.
Obama ribadirà la posizione USA sullo sviluppo del programma nucleare iraniano: un secco no alla dotazione di armi atomiche all’Iran, con minacce più o meno velate di possibili interventi per far rispettare tale divieto.
Un divieto che poggia su condivisibili valutazioni di opportunità rispetto alla non proliferazione delle armi nucleari, ma che agli iraniani – e non solo - non può non apparire arbitrario, visto che orami numerosi altri Paesi hanno una tecnologia in grado di sviluppare tali armamenti e lo hanno già fatto.
All’Assemblea Generale parlerà anche il Presidente Iraniano Mahmoud Ahmadinejad, e il confronto a distanza preoccupa non poco il Segretario generale dell’ONU Ban Ki Moon, che ha invitato i leader politici a non alzare i toni della discussione.



Sergio Vasarri

Docente alla alla Facoltà di Scienze Politiche all’Università di Siena

www.dazebaonews.it

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]