Giovedì, 25 Ottobre 2012 09:27

Tibet. La Cina offre 6.000 euro per sventare immolazioni

Scritto da

PECHINO  - Il governo cinese ha offerto una ricompensa di oltre 6.000 euro a chi fornisce informazioni sulle immolazioni di tibetani, per protesta contro il dominio di Pechino.

Su internet girano diverse copie dell'annuncio, stampato in cinese e tibetano, che è stato affisso nella prefettura di Kanlho (Gannan per i cinesi), nella provincia cinese nord occidentale del Gansu. L'annuncio invita i residenti di aiutare la polizia a bloccare queste proteste, fomentate «dal separatista Dalai Lama che, a capo della sua cricca, intende separare il paese e distruggere l'armonia sociale». Nell'avviso si promettono 50.000 yuan di ricompensa (oltre 6.000 euro) per informazioni relative agli istigatori e a coloro che pianificano atti di immolazione. Oltre 3.000 euro invece a coloro che informano su singoli atti e permettono che siano bloccati.
La prefettura nella quale è stato affisso l'invito a collaborare con la giustizia ha registrato tre immolazioni da sabato, che hanno portato a 58 il numero di questi gesti dal febbraio 2009.

Correlati

Cerca nel sito

ban.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Twitter mania. Arte, poesia, storia, giornalismo, politica e altre amenità nei…

Twitter mania. Arte, poesia, storia, giornalismo, politica e altre amenità  nei caratteri simbolo della nostra epoca

I geroglifici degli antichi Egizi, i bassorilievi sulle colonne romane, gli epigrammi di Marziale, le commedie in un atto di Achille Campanile, gli aforismi di Leo Longanesi.

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Nft, blockchain, criptovalute stanno davvero cambiando il mondo dell’arte come…

Nft, blockchain, criptovalute stanno davvero cambiando il mondo dell’arte come lo conosciamo?

Siamo di fronte a una bolla speculativa destinata a scoppiare? Oppure, come sostiene Beeple, la cui opera digitale è stata venduta per 70 milioni di dollari da Christie’s a New...

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]