Martedì, 18 Dicembre 2012 09:24

Asia. Oltre due milioni di morti per l'inqinamento atmosferico

Scritto da

ROMA - La notizia che giunge dall'oriente non è delle più trabnquillizzanti. Infatti, secondo quanto riportato dal britannico The Guardian, nel 2010 oltre due milioni di persone sono morte prematuramente nel continente asiatico. Motivo?

L'inquinamento atmosferico. Infatti la maggior parte dei decessi è stata dovuta alle polveri sottili rilasciate nell'ambiente dai gas di scarico; il dato globale nello stesso anno è di 3,2 milioni di morti, una cifra record che continua a salire per via del traffico crescente nei paesi emergenti come Cina e India. E i danno potrebbero addirittura essere molto peggiori. Infatti, avvertono gli esperti, gli effetti dell'inquinamento possono non essere pienamente visibile per anni, dato che alcune malattie come i tumori al polmone si sviluppano solo dopo un periodo di latenza relativamente lungo.

Se ai gas di scarico si somma anche l'inquinamento domestico - come l'utilizzo di legna o carbone per cucinare - l'inquinamento atmosferico è ormai la seconda causa di morte globale, dopo l'ipertensione.

Correlati

Cerca nel sito

ban.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Twitter mania. Arte, poesia, storia, giornalismo, politica e altre amenità nei…

Twitter mania. Arte, poesia, storia, giornalismo, politica e altre amenità  nei caratteri simbolo della nostra epoca

I geroglifici degli antichi Egizi, i bassorilievi sulle colonne romane, gli epigrammi di Marziale, le commedie in un atto di Achille Campanile, gli aforismi di Leo Longanesi.

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Nft, blockchain, criptovalute stanno davvero cambiando il mondo dell’arte come…

Nft, blockchain, criptovalute stanno davvero cambiando il mondo dell’arte come lo conosciamo?

Siamo di fronte a una bolla speculativa destinata a scoppiare? Oppure, come sostiene Beeple, la cui opera digitale è stata venduta per 70 milioni di dollari da Christie’s a New...

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]