Sabato, 09 Febbraio 2013 16:34

Germania. Ministro della Pubblica istruzione si dimette, aveva copiato la tesi

Scritto da
Annette Schavan, ministro della Pubblica istruzione Annette Schavan, ministro della Pubblica istruzione

BERLINO -  Il governo tedesco perde un altro membro accusato di plagio accademico. La cancelliera Merkel ha accettato "a malincuore" le dimissioni di Annette Schavan, ministro della Pubblica istruzione, cui l'università di Dusseldorf ha ritirato il titolo di dottore di ricerca, conseguito nel 1980, per aver copiato la tesi di dottorato "in modo sistematico e premeditato".

Schavan è il secondo ministro costretto a lasciare, dopo l'ex titolare della Difesa, Karl-Theodor zu Guttenberg.

L'annuncio delle dimissioni della signora Schavan è stato dato questa mattina nel corso di una conferenza stampa comune con Angela Merkel, che ha rivelato di aver appreso già ieri sera l'intenzione del ministro di ritirarsi. «Annette Schavan mi ha offerto ieri sera le dimissioni, che ho accolto a malincuore», ha dichiarato il cancelliere, aggiungendo che il ministro dimissionario «sa che i cervelli delle persone sono il capitale del Paese e sa anche che buone condizioni di studio sono altrettanto importanti della promozione dell'eccellenza delle prestazioni». «Ti ringrazio, cara Angela, per le tue parole e per la tua amicizia», ha replicato visibilmente commossa la signora Schavan, aggiungendo di voler ricorrere in giudizio contro la revoca del suo dottorato. «Non accetterò la decisione dell'università, poichè non ho nè copiato, nè ingannato, ma le accuse mi colpiscono profondamente», ha spiegato il ministro dimissionario, precisando che «la funzione non può esseredanneggiata. Le cariche politiche sono a tempo. Ho potuto contare sulla lealtà dei miei collaboratori.

 

Sono stati anni belli». La Merkel ha annunciato che a sostituire la signora Schavan al ministero federale dell'Istruzione e della Ricerca scientifica sarà Johanna Wanka, che dopo la sconfitta della Cdu alle elezioni in Bassa Sassonia del 20 gennaio scorso lascerà tra una decina di giorni l'omonimo ministero che dirigeva ad Hannover. La signora Wanka, originaria della Sassonia, è stata la prima personalità politica di un land tedesco-orientale a diventare ministro in un land occidentale. La circostanza temporale dovuta alla bocciatura elettorale del governo nero-giallo della Bassa Sassonia consente alla Merkel di sostituire immediatamente ed in maniera efficace la dimissionaria Schavan, anche perchè la sessantaduenne Wanka, laureatasi in matematica nel 1974 all'università di Lipsia, nell'allora Ddr, ha una grande esperienza professionale, in quanto dal 27 aprile 2010 riveste la carica di ministro dell'Istruzione e della Ricerca in Bassa Sassonia. Annette Schavan è sempre stata molto vicina ad Angela Merkel, ma il cancelliere non dovrebbe subire forti contraccolpi politici dalle sue dimissioni, anche perchè nell'ormai già avviata campagna elettorale per le elezioni per la Cancelleria del 22 settembre è la Merkel l'unica carta vincente su cui punta ogni speranza il suo partito. Tutti i sondaggi indicano infatti da mesi che è proprio il cancelliere, non il suo governo, a godere di una vastissima stima da parte dell'elettorato, che al momento la pone in una posizione alquanto vantaggiosa nella sfida che la oppone al suo sfidante socialdemocratico Peer Steinbrueck.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]