Martedì, 19 Febbraio 2013 21:28

Usa, pena di morte. Iniezione letale per un malato di mente

Scritto da

NEW YORK - Questa sera, alle 19 (l'una di notte italiana), Warren Lee Hill verrà ucciso da un'iniezione letale in un carcere statale della Georgia,70 chilometri a sud di Atlanta.

Il suo caso, più di altri, ha sollevato polemiche degli attivisti per i diritti umani: Hill ha un quoziente intellettivo di 70 punti, il minimo della media, e secondo i suoi avvocati difensori avrebbe dei gravi disturbi mentali.

Imprigionato per l'uccisione della findazata, condannato a morte per l'omicidio di un compagno di cella per mezzo di un asse chiodata, Hill è nel braccio della morte da oltre venti anni. Secondo quanto stabilito salla Corte Suprema nel 2002, se ritenuto malato mentale, la legge non potrebbe togliergli la vita. Ma la Georgia è l'unico Stato americano che riconosce il «disturbo mentale» di un detenuto, solo se provato «al di là di ogni ragionevole dubbio».

La clausola, secondo quanto risportato da Cnn, è vista dai difensori di Hill come «una barriera virtualmente insormontabile», e nonostante siano riusciti a ritardare l'esecuzione, già programmata per lo scorso luglio, non hanno potuto opporsi alla sentenza definitiva.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]