Martedì, 19 Febbraio 2013 21:28

Usa, pena di morte. Iniezione letale per un malato di mente

Scritto da

NEW YORK - Questa sera, alle 19 (l'una di notte italiana), Warren Lee Hill verrà ucciso da un'iniezione letale in un carcere statale della Georgia,70 chilometri a sud di Atlanta.

Il suo caso, più di altri, ha sollevato polemiche degli attivisti per i diritti umani: Hill ha un quoziente intellettivo di 70 punti, il minimo della media, e secondo i suoi avvocati difensori avrebbe dei gravi disturbi mentali.

Imprigionato per l'uccisione della findazata, condannato a morte per l'omicidio di un compagno di cella per mezzo di un asse chiodata, Hill è nel braccio della morte da oltre venti anni. Secondo quanto stabilito salla Corte Suprema nel 2002, se ritenuto malato mentale, la legge non potrebbe togliergli la vita. Ma la Georgia è l'unico Stato americano che riconosce il «disturbo mentale» di un detenuto, solo se provato «al di là di ogni ragionevole dubbio».

La clausola, secondo quanto risportato da Cnn, è vista dai difensori di Hill come «una barriera virtualmente insormontabile», e nonostante siano riusciti a ritardare l'esecuzione, già programmata per lo scorso luglio, non hanno potuto opporsi alla sentenza definitiva.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]