Martedì, 08 Febbraio 2011 11:51

Petroliera italiana sequestrata dai pirati

Scritto da

ROMA - Questa mattina attorno alle  6,57 ora italiana, la petroliera Savina Caylyn proprietà società armatrice  Fratelli D'Amato di Napoli,  è stata attaccata da una piccola imbarcazione di pirati mentre era in navigazione nell'Oceano Indiano a 880 miglia dalla Somalia e a 500 dall'India.

Secondo le prime testimonianze sarebbero stati esplosi  vari colpi di mitra e razzi Rpg, che comunque non avrebbero provocato nessun ferito tra l'equipaggio composto da 5 italiani e 17 indiani. Il comandante ha cercato di fuggire all'attacco compiendo delle manovre evasive, previste in questi frangenti  e lanciando potenti getti d'acqua contro il barchino dei pirati. Tuttavia alle 7,27 i pirati sono riusciti a salire a bordo prendendo il pieno possesso della nave italiana.
La fregata della Marina militare 'Zeffirò, che si trova in Oceano Indiano nell'ambito della missione antipirateria dell'Unione europea  Atlanta, si sta dirigendo nell'area dove è avvenuto l'attacco che raggiungerà in un paio di giorni, essendo distante circa 500 miglia. L'equipaggio della petroliera è composta da 5 italiani e 17 indiani.

Correlati

Cerca nel sito

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

Dopo 40 anni lo scienziato Roberto Crea dalla California ritorna in Calabria

A Lamezia Terme nasce la Fondazione Dulbecco per lo studio e la produzione di anticorpi monoclonali di pronectine 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Scuola. La supremazia del banco

Scuola. La supremazia del banco

Bando europeo pubblicato, gara avviata, in attesa di aggiudicazione. In palio migliaia di banchi monoposto per una serena ripartenza delle scuole a settembre. Il dibattito pubblico intorno alla scuola ai tempi...

Francesco Pettinari - avatar Francesco Pettinari

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]