Venerdì, 11 Febbraio 2011 17:38

Ue. Fermiamo transumanza Parlamento. Ma Parigi si oppone

Scritto da

BRUXELLES  - La  transumanza del Parlamento europeo tra Bruxelles e Strasburgo è uno dei grandi misteri dell'Unione europea: ogni mese l'intero apparato dell'assemblea elettiva europea (736 deputati, più qualche migliaio tra assistenti, funzionari, segretarie, eurocrati, commessi e giornalisti) si trasferisce dalla sede nella capitale belga per tenere i quattro giorni della sessione plenaria nello spettacolare palazzo nell'Alsazia francese.

Periodicamente, da decenni, si alzano voci per fermare quello che appare nella migliore delle ipotesi come un insensato pendolarismo a puro scopo geopolitico. Puntualmente Parigi si oppone all'idea di perdere il  privilegio di ospitare la sede del Parlamento. L'ultimo a lanciare la richiesta di fermare l'avanti e indietro del Parlamento europeo è un gruppo di europarlamentari britannici guidato da Edward McMillan Scott, liberaldemocratico e vicepresidente del Parlamento stesso, che ieri ha reso noto un rapporto sotto il titolo 'La favola delle due città, in cui sottolinea che il costo finanziario del sistema parlamentare con due sedi è pari a 200 milioni di euro l'anno, quello ambientale è di 19.000 tonnellate di Co2 prodotte per lo spostamento. Nel rapporto è scritto che «se ai parlamentari venisse permesso di scegliere, la maggioranza oggi preferirebbe lavorare solo a Bruxelles e ritiene che non può essere giustificato il costo di mantenere la doppia sede». Citando i risultati di una ricerca compiuta dall'Università di Zurigo che ha intervistato 417 tra parlamentari e funzionari, nel rapporto si afferma che l'88 per cento del personale coinvolto vorrebbe un cambiamento del Tratto della Ue per emetterla con la transumanza. Puntuale oggi è arrivata la levata di scudi francese, firmata da Bernard Valero, portavoce del ministro degli affari esteri. «Abbiamo appreso con sorpresa di una recente iniziativa che rimette in discussione la sede di Strasburgo del Parlamento europeo - ha dichiarato Valero - Un tale passo è certamente di natura personale, ma non per questo è meno deplorevole». E dopo aver ricordato che per farla avanzare sarebbe una necessaria una modifica, approvata dalla (impossibile da raggiungere) unanimità degli Stati membri, del Trattato, Valero ha affermato che «tale inziativa non impegna in nessun modo il Parlamento europeo in quanto tale, e certamente non il suo presidente Jerzy Buzek». Lunedì comincerà, a Strasburgo, la sessione plenaria di febbraio, la seconda dell'anno. I bauli con i documenti cartacei, sono già chiusi e pronti per il trasporto.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]