Sabato, 29 Giugno 2013 10:59

Egitto, è di nuovo protesta. Ucciso 21enne americano. Gli Usa ritirano il personale

Scritto da

IL CAIRO - In Egitto riesplode la protesta, segno che la primavera araba non si è affatto placata. In questo caldo week end si sono registrati violenti scontri ad Alessandria tra oppositori e sostenitori del presidente Mohamed Morsi. Il bilnacio è drammatico.

Tre persone sono morte e 130 sono rimaste ferite. Tra le vittime uno studente americano di 21 anni, Andrew Pochter, originario del Maryland, che lavorava come stagista presso la Amideast, una Ong americana. Una delle altre vittime sarebbe  un giornalista egiziano deceduto durante le violenze a Port Said, dopo che un piccolo ordigno è stato scagliato contro i sostenitori dei Fratelli musulmani e del presidente. I disordini preludono alle grandi manifestazioni di protesta in programma per domani, 30 giugno, nel primo anniversario dell'insediamento di Morsi a presidente dell'Egitto.  

Anche le sedi della fratellanza sono state prese d'assalto  in varie località, specie ad Alessandria, sede della Fratellanza, che è stata data alle fiamme . Nel frattempo gli Stati Uniti hanno ordinato allo staff non indispensabile dell'ambasciata americana al Cairo di lasciare il Paese per l'aumentare delle proteste. Anche il presidente Obama durante il suo viaggio in Africa è intervenuto sulla vicenda egiziana, invitando tutti i cittadini americani di evitare viaggi verso l'Egitto.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]