Lunedì, 05 Agosto 2013 12:12

Afghanistan. Bagram, quando la chiusura della seconda Guantanamo

Scritto da

KABUL - Tra tutte le sfide che gli Stati Uniti devono affrontare come effetto della guerra in Afghanistan, la più difficile potrebbe essere la chiusura della prigione soprannominata "La seconda Guantanamo."


Alcuni neppure conoscono l'esistenza di questa prigione per molti "fuorilegge", eppure gli Stati Uniti tengono dentro queste mura 67 detenuti non afghani, tra cui alcuni descritti come "temprati  dalla dottrina di al-Qaeda". Questi prigionieri sono stati sequestrati in tutto il mondo nei mesi successivi all'attacco dell'11 Settembre 2001. Sono trascorsi più di dieci anni da quel terribile evento, ma i  presunti terroristi sono ancora trattenuti in questa struttura nascosta nella base aerea di Bagram a pochi chilometri da kabul.
Un luogo di cui si parla poco esattamente come Guantanamo o Abu Quraib una due delle tante prigioni degli Usa nel mondo, dove la tortura è pratica abituale e dove le persone stanno in carcere per anni senza processo, senza accusa e molte volte anche senza colpa.

La chiusura di questa struttura  presenta molti degli stessi problemi che l'amministrazione Obama ha incontrato quando tentò di chiudere il centro di detenzione di Guantanamo Bay a Cuba. Alcuni funzionari americani sostengono che la risoluzione di Bagram è ancora più complicata  e più urgente. Cosa fare con i detenuti stranieri si sta dimostrando  un ostacolo ancora più grande della chiusura stessa del carcere americano.
"Esiste un piano? No. C'è un desiderio di chiudere il centro? Sì, ", ha detto il generale  Joseph F. Dunford Jr. durante una recente intervista. Dopo 12 anni di permanenza  degli Stati Uniti in Afghanistan,  il Dipartimento di Stato e il Pentagono sembra siano stati in grado di elaborare una strategia per il processo o il rimpatrio di uomini provenienti da più di una dozzina di paesi detenuti di Bagram. Tuttavia, la popolazione del carcere è in continua crescita a causa del timore di combattenti stranieri che vengono catturati durante le operazioni congiunte delle forze speciali. L'ultimo detenuto è stato inviato a Bagram nel mese scorso.

Questo centro di detenzione  è sul suolo afghano e quindi le forze Usa saranno tecnicamente costrette a chiuderlo quando la loro missione sarà definitivamente terminata nel dicembre del 2014. Ma alcuni funzionari e politici degli Stati Uniti asseriscono che porrebbe un rischio per la sicurezza. La soluzione migliore, dicono, è quello di mantenere la struttura aperta sotto la supervisione degli Stati Uniti, forse per decenni. Non è affatto chiaro, però, se gli afgani diano il loro consenso a questa opzione.

Come a Guantanamo, i funzionari degli Stati Uniti hanno ritenuto una parte dei prigionieri di Bagram  una minaccia reale per rispedire i detenuti ai loro paesi di origine e sanno che non sarebbe possibile condannare questi uomini in un tribunale degli Stati Uniti. "Sono troppo pericolosi per essere messi in libertà ", ha detto il senatore Lindsey O. Graham in un riservista in cui venivano prese in considerazione eventuali soluzioni al dilemma di detenzione.
"Siamo una nazione senza un carcere a disposizione nella guerra al terrorismo  e abbiamo bisogno di rimediare a questa mancanza," ha aggiunto Graham. Mantenere un carcere gestito dagli Stati Uniti in Afghanistan oltre il 2014 richiederebbe l'autorizzazione del presidente afghano Hamid Karzai, che ha però strenuamente resistito nell'avvallo di strutture di detenzione gestite dagli americani. Insomma, le sorti della seconda Guantanamo sono incerte come quella dei suoi prigionieri.

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

Arpa Puglia potenzia la sede di Taranto. Inaugurati i nuovi laboratori

L’edificio sarà anche sede del Polo di Specializzazione Microinquinanti di Arpa Puglia, eccellenza nella determinazione dei composti organici persistenti (POP), e in particolar modo di PCB, diossine e IPA, in...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]