Giovedì, 19 Settembre 2013 21:56

Russia. Arrestati 25 attivisti Greenpeace, tra loro un italiano

Scritto da

MOSCA - La Guardia costiera russa ha abbordato la nave di Greenpeace Arctic Sunrise e ha arrestato i 25 attivisti a bordo minacciandoli con le pistole. Tra loro c'è anche un italiano, del quale Greenpeace non ha fornito le generalità. Lo riferisce una nota dell'organizzazione ambientalista, che sottolinea la «illegalità» del gesto compiuto dalle autorità russe.

Ieri alcuni attivisti di Greenpeace avevano protestato pacificamente contro la piattaforma petrolifera Prirazlomnaya della compagnia di Stato russa Gazprom e due scalatori, un finlandese e uno svizzero, erano stati arrestati.  Al momento dell'irruzione l'Arctic Sunrise stava navigando intorno alla piattaforma Prirazlomnaya alla velocità di tre miglia nautiche, in acque internazionali. Le coordinate, spiega la nota, confermano che la nave era dentro la Zona Economica Esclusiva della Russia (EEZ) e «questo fa dell'irruzione della Guardia Costiera russa un atto illegale: il diritto internazionale consente infatti la libera navigazione nella EEZ». «Le coordinate - aggiunge l'organizzazione ambientalista - al momento dell'irruzione erano: 69-19-53 N; 57-16-53 E . Per mezzo di un elicottero e di corde, otto uomini della Guardia Costiera sono saliti a bordo della nave e hanno circondato gli attivisti, spingendoli sul ponte. Alcuni membri dell'equipaggio, che sono riusciti a chiudersi a chiave nella sala radio, hanno riferito di aver visto gli altri attivisti costretti a inginocchiarsi con pistole puntate contro di loro». «Questa irruzione illegale su una nave che protestava pacificamente evidenzia quali misure estreme il governo russo sia disposto a prendere per tenere le trivellazioni di Gazprom lontane dal controllo pubblico», afferma Kumi Naidoo, direttore esecutivo di Greenpeace International. «Chiediamo al Presidente Putin -ha proseguito- di trattenere la Guardia costiera e di ordinarle di rimettere nella fondina le pistole e ritirarsi. Siamo un'organizzazione pacifica e la nostra protesta non si merita questo livello di aggressività».

Dal canto suo, Mosca aveva precedentemente dichiarato che l'Arctic Sunrise rappresenta una minaccia alla sicurezza e all'ambiente. «Non scherziamo», dice Ben Ayliffe, campaigner di Save The Arctic di Greenpeace International, «la vera minaccia all'Artico non viene da Greenpeace ma dalle compagnie petrolifere come Gazprom, che sono determinate a ignorare sia la scienza che il buon senso per trivellare nell'Artico. La Guardia costiera ha minacciato con le pistole i nostri attivisti e ha sparato 11 colpi di avvertimento contro la nostra nave. Chi è la vera minaccia alla sicurezza qui?».

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]