Domenica, 29 Settembre 2013 15:50

Nigeria. Attacco armato contro dormitorio. Uccisi 40 studenti

Scritto da

KANO- Un commando di fondamentalisti islamici ha fatto irruzione nel dormitorio di un collage nel nord-est della Nigeria, sparando all'impazzata sugli studenti che dormivano e uccidendo 26 persone. Il bilancio delle vittime è stato riferito da fonti ospedaliere. L'esercito ha spiegato che il commando ha attaccato il Collegio dell'Agricoltura, nella località di Guiba, a 30 chilometri da Damaturu, capitale dello stato di Yobe.

 

Le scuole sono entrate nel mirino della setta di miliziani già da diverso tempo. Negli scorsi mesi un raid aveva ucciso 27 studenti Potiskum, a circa 50 chilometri da Guiba. Tra mercoledì e giovedi scorso i miliziani islamisti di Boko Haram avevano ucciso 27 civili nel corso di due attacchi nel nordest del paese africano. Dopo un primo attacco nel quale erano morte sei persone mercoledì scorso a Gamboru, vicino al confine con il Camerun nello Stato di Borno, i miliziani sono tornati la notte dopo per giustiziarne altri 21. L'obiettivo del gruppo terrorista è la creazione di uno Stato islamico nel nord del paese.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]