Venerdì, 15 Novembre 2013 14:12

Confermata sentenza VS Texaco in Ecuador: pagherà 8,5 miliardi

Scritto da

In questi giorni in Italia l’avvocato Pablo Fajardo per  una conferenza internazionale sulla giustizia ambientale

 

ROMA - Il 12 novembre scorso la Corte Nazionale di Giustizia dell'Ecuador ha ratificato la condanna per danno ambientale inflitta alla Chevron Texaco nel 2011 per i danni all’ambiente e alla salute delle comunità amazzoniche causati dalle attività estrattive.

«La Chevron fu condannata nel 2011 dalla Corte della provincia amazzonica di Sucumbíos a pagare 9,5 miliardi di dollari, ammontare che duplicava se l’industria petrolifera non chiedeva perdono per i danni ambientali dei quali era imputati» racconta l'avvocato della causa Pablo Fajardo, vincitore nel 2008 del Golman Prize per l'ecologia e in Italia proprio in questi giorni. La Chevron ricusò la sentenza davanti alla Cn, non si è mai scusata pubblicamente come esigeva la Corte di Sucumbíos e il risarcimento è lievitato a 19 miliardi di dollari. Due giorni fa la Corte Nazionale ha confermato la sentenza, riconoscendo ancora una volta la responsabilità dell'impresa nel più rande disastro compiuto a causa di attività estrattive in una regione amazzonica, ma ha eliminato la clausola che prevedeva il raddoppio, riportando il risarcimento dovuto a 8,6 miliardi di dollari. A questa cifra va aggiunto un ulteriore 10% come risarcimento al Frente de Defensa de la Amazonía, la coalizione di comunità, soprattutto indigene, che ha denunciato la Chevron.

In questi giorni Pablo Fajardo è in Italia, ospite dell'Associazione A Sud e del Centro di Documentazione sui Conflitti Ambientali, per una Conferenza Internazionale sulla Giustizia Ambientale prevista per il 15 novembre a Roma e organizzata nell'ambito del progetto internazionale di ricerca Ejolt, che riunisce accademici, ricercatori e attivisti di 23 organizzazioni partner di tutto il mondo.

“Questo grado di giudizio è l'ultimo” ha ricordato Fajardo, “la sentenza è un precedente importantissimo, un passo avanti storico e la dimostrazione che la giustizia è alla portata anche dei più poveri e vulnerabili”. Un precedente che apre la strada ad altre azioni giudiziarie che i Frente de Defensa de la Amazonìa ha annunciato, tramite Fajardo, di voler intraprendere in futuro.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]