Domenica, 01 Dicembre 2013 19:30

Bangkok. Nazionalisti e monarchici contro il governo

Scritto da

ROMA - Da giorni è in corso a Bangkok la rivolta contro il Governo Shinawatra, eletto nel luglio del 2011. Governo sostenuto dalle classi medio basse.

I manifestanti, nazionalisti e monarchici, sostenuti  invece dalla classe medio alta di Bangkok e da attivisti del sud, sono scesi in piazza chiedendo le dimissioni della premier Yingluck Shinawatra , sorella dell’ex leader Thaksin Shinawatra, ora in autoesilio, dopo esser stato condannato per corruzione. L’accusa nei  confronti della premier è quella di governare sotto la guida di suo fratello. Le proteste si sono e si stanno svolgendo in diverse zone della città, soprattutto in prossimità degli edifici governativi. Infatti  gli obiettivi nel mirino degli antigovernativi sono gli uffici del Governo e dei ministeri dell'Interno, degli Esteri, del Commercio, dell'Istruzione, del Lavoro e delle Finanze, con lo scopo di bloccare tutta l’attività amministrativa,  e le sedi delle tv pubbliche per avere la possibilità di diffondere anche il loro punto di vista. Hanno occupato infatti tre sedi tv, gestite rispettivamente dal governo, dai militari e da una società indipendente. Per questo Bangkok è blindata, la sede del governo e tutta la zona ministeriale è circondata da cemento armato e filo spinato, ma nonostante ciò i manifestanti hanno tentato  di sfondare le barricate, bloccati però dai poliziotti che sono dovuti ricorrere anche all’uso di gas lacrimogeni e idranti. Oltre ai 21 mila agenti della polizia, il governo  thailandese ha schierato anche 3 mila soldati e inoltre ha consigliato alla popolazione di non uscire di casa dalle 22 di questa sera fino alle 5 di domani mattina. Purtroppo il bilancio di questi scontri però è di 5 morti e di  circa 45 feriti. Questa mattina inoltre i manifestanti hanno fatto irruzione nel club sportivo della polizia dove era giunta la premier per rilasciare delle interviste, la quale è stata subito trasferita in un luogo sicuro. Anche i sostenitori  del Governo,  i cosiddetti “camicie rosse” ,si erano organizzati per scendere in campo e manifestare a favore dell’esecutivo di Shinawatra, dandosi appuntamento in uno stadio a est di Bangkok, ma poi questa mattina hanno deciso di bloccare la manifestazione per non creare ulteriori disagi al Governo.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]