Venerdì, 10 Gennaio 2014 15:15

Grecia. Nonostante la crisi e i tagli alla cultura aumentano le visite ai musei

Scritto da

ATENE -  Nonostante la crisi economica e i cospicui tagli alla cultura, in Grecia aumentano comunque le visite ai musei e ai siti  archeologici. 

Questo è quanto constatato con orgoglio dal  ministro Panos Panagiotopoulos, in occasione della visita ad Atene dei corrispondenti Ue per l'inizio del semestre greco di presidenza del Consiglio dei 28. «I sacrifici del popolo greco sono stati necessari ma non ne possiamo affrontare altri», ha spiegato, parlando nel nuovo museo dell'Acropoli che dalla sua inaugurazione nel 2009 ha già superato i 6 milioni di visitatori.

«Dal 2010 - ha aggiunto - abbiamo tagliato il budget per la Cultura del 52%, ma i nostri musei e i siti archeologici accolgono un numero crescente di visitatori, nel 2013 sono stati 12 milioni, e continuiamo a esportare mostre anche grazie agli sponsor privati internazionali». Panagiotopoulos ha in programma a breve un viaggio in Italia per discutere con il suo omologo italiano Massimo Bray dell'agenda culturale dell'Unione europea in vista del successivo semestre italiano di presidenza. In particolare, il ministro greco punta alla valorizzazione del patrimonio culturale europeo, con una particolare attenzione per  l'antichità classica, alla base delle radici culturali del vecchio continente.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]