Mercoledì, 29 Gennaio 2014 19:23

Congresso Usa. Obama, agenda fitta di priorità. "Sarà un anno di azione"

Scritto da

ROMA - Il presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama, come avviene ogni anno, martedi 28 (in Italia era il 29 alle 3 del mattino) ha tenuto il discorso al congresso, durante il quale viene fatto il punto sulla situazione della nazione, sugli obiettivi e le priorità per il futuro.

I temi maggiormente toccati sono stati soprattutto quelli riguardanti le misure economiche, anche se si parla più che altro di aggiustamenti vista la più che rosea condizione americana del momento. Da notare anche la volontà di venire incontro ai repubblicani, e per far si che le proposte non vengano bocciate, in quanto quest’ultimi rappresentano la maggioranza alla Camera, e perché ci si avvicina verso le elezioni: “Sono impaziente di lavorare insieme a voi. [..] Nei prossimi mesi, vediamo dove possiamo compiere dei progressi insieme. Facciamo in modo che questo sia un anno di azione. E’ ciò che vuole la maggioranza degli americani. [..]Io credo che quello che ci unisce, nonostante la razza, la religione o il partito, vecchi e giovani, ricchi o poveri, è il semplice, profondo credo nella opportunità per tutti”. Obama ha descritto il nuovo anno come un “anno di azione”: «L’America non sta ferma  e non starò fermo nemmeno io. Ogni volta che potrò fare qualcosa, anche in assenza di azioni legislative, per estendere le opportunità a disposizione delle famiglie americane, lo farò.» . L’intenti del Presidente sono molteplici: incrementare il salario minimo da 7,25 dollari l’ora a 10,10 dollari, offrire ai lavoratori la possibilità di aprire un conto corrente per i propri risparmi a condizioni vantaggiose qualora i datori di lavoro non offrono contributi pensionistici, imporre nuovi standard ecologici per le automobili. Si è anche rivolto al Congresso chiedendo di lasciare la riforma sanitaria in vigore e alla Camera per fare entrare in vigore la riforma che consentirebbe di dare la cittadinanza a milioni di persone che vivono da tempo in America. Piccolo capitolo quello della politica estera, dove si è parlato, in modo molto limitato, del ritiro dall’ Iraq, di quello in fase di sviluppo dall’Afghanistan, e dalla volontà di chiudere il carcere di Guantanamo. La priorità resta la difesa dal terrorismo. A concludere il saluto, accompagnato da tutto il Congresso, al soldato Remsburg, sfigurato da una bomba in Afghanistan.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]