Domenica, 30 Marzo 2014 18:12

Germania. La pornostar nazista scaricata dal suo partito perchè ha fatto sesso con un nero

Scritto da
Ina Groll, Ina Groll,

ROMA - Scaricata dai neonazisti per un  film porno in cui aveva rapporti con un nero: è accaduto  a Ina Groll, la 28enne pornostar tedesca che era stata nominata portavoce e responsabile per le politiche anti-immigrazione del Partito democratico nazionale tedesco.

Secondo quanto riferisce il New York Daily News, la bionda e tatuata attrice si è vista cacciare dal movimento neonazista dopo l'uscita del suo ultimo  film, dal titolo «Kitty scopre lo sperma», in cui recitava accanto insieme a un attore di colore. Immediata la reazione della base neonazista che ha subito chiesto e ottenuto dai vertici del Partito democratico nazionale la destituzione della Groll da portavoce e la sua espulsione.  Per ironia della sorte, Ina (nome d'arte Kitty Blair) rischia di finire la carriera di attrice insieme a quella di politica: secondo un esperto dell'industria del porno tedesco, ora che gli orientamenti politici dell'attrice sono di pubblico dominio, nessun produttore la vorrà più nei suoi film e ci sarebbe già un accordo per boicottarla. 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]