Lunedì, 28 Marzo 2011 10:27

Libia. Tra conferme e smentite gli insorti conquistano Sirte

Scritto da

TRIPOLI - Sirte, la città natale del Colonnello Muammar Gheddafi è caduta in mano ai ribelli.

E' quanto riportano gli stessi combattenti che, grazie ai raid aerei lanciati dalla coalizione internazionale della Nato, sono riusciti a penetrare nella cittadina mettendo in fuga le brigate del rais. La notizia dei bombardamenti su Sirte sono stati confermati da un cronista francese dell'Afp che avrebbe udito una sequenza ravvicinata di esplosioni dopo il passaggio dell'aviazione della coalizione. Tuttavia giungono smentite da parte degli uomini del Colonnello, i quali sostengono che la città sarebbe ancora in mano loro. "Questi terroristi non hanno guadagnato il controllo. Quando attaccheranno Sirte, con i vostri aerei americani e britannici, noi saremo pronti a difendere la città, come fu a Stalingrado" - ha scritto un ufficiale di Gheddafi alla Bbc, il quale ha poi aggiunto. "Combatteremo fino all'ultimo uomo per salvaguardare la rivoluzione del fratello Gheddafi".

I ribelli libici avrebbero ripreso il controllo anche dei principali terminali petroliferi nell'est del Paese, ovvero Es Sider, Ras Lanuf, Brega, Zueitina e Tobruk. Conquiste, arrivate dopo settimane di aspri combattimenti, che rafforzano la posizione degli insorti, mentre le truppe di Muammar Gheddafi sembrano essersi ritirate nella parte occidentale della Libia.  La situazione resta comunque tutta da verificare, visto la diffusione di notizie spesso contrastanti tra loro.


Violenti combattimenti sarebbero in corso anche a Misurata, la roccaforte dei ribelli che il regime non è riuscito a riconquistare.  Si parla di almeno 8 vittime uccise dai colpi di mortaio ad opera delle truppe del Colonnello, che avrebbero ripreso gli attacchi sulla zona del porto e nel centro della città dopo una breve pausa seguita ai raid della coalizione.   Da giorni, infatti,  agli attacchi delle truppe lealiste seguono interventi aerei alleati, che bloccano l'avanzata del regime. Dopo aver perso il controllo dell'est del Paese, Gheddafi sta concentrando le forze intorno a Misurata, sicuro di poter vincere ancora questa guerra. E si combatte anche a Zintan, dove le forze lealiste al Colonnello starebbero bombardando dalle prime luci dell'alba.
Intanto il portavoce del governo libico Ibrahim Moussa lancia pesanti accuse contro l'Alleanza, la quale- secondo l'uomo fedele a Gheddafi -  avrebbe colpito civili durante i raid, violando di fatto la risoluzione 1973 votata dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.


Sul piano diplomatico il premier turco Erdogan ha ribadito che il suo Paese è pronto a svolgere un'opera di mediazione per giungere ad un rapido 'cessate il fuoco' in Libia ed impedire che la nazione nord-africana diventi "un secondo Iraq" o "un nuovo Afghanistan". In un'intervista esclusiva pubblicata sul quotidiano britannico "Guardian", Erdogan afferma che contatti sono da tempo in corso sia con Gheddafi che con gli insorti e che il suo paese, d'accordo con la Nato, si appresta ad assumere la gestione del porto e dell'aeroporto di Bengasi.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]