Giovedì, 04 Settembre 2014 14:53

Nato e Russia ai ferri corti. Rasmussen, pronti a decisioni importanti. IL VIDEO

Scritto da

 

NEWPORT - Niente giri di parole o frasi di circostanza. Il segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen, al suo arrivo al vertice dell’Alleanza, ha sottolineato come le condizioni della sicurezza siano cambiate drammaticamente. Il contesto internazionale è molto teso ma la Nato è pronta a decisioni importanti.

A partire dalla crisi in Ucraina. “Stiamo continuando a chiedere alla Russia di ritirare le sue truppe dal confine con l’Ucraina, di non inviare piû armi e combattenti, e di non supportare più i militanti armati, impegnandosi invece in un processo politico costruttivo”, ha ribadito Anders Fogh Rasmussen Riferendosi alle condizioni avanzate dalla Russia alle parti per il piano di pace, Rasmussen ha ribadito che ogni sforzo per arrivare a un cessate il fuoco in Ucraina dell’est è il benvenuto. Quello che ora conta sono i fatti e non le parole.

Intanto continua il vertice a Newport nel Galles.. Forse il piû difficile degli ultimi anni. La Nato infatti affronta la difficile crisi in Ucraina, le relazioni con Mosca e la situazione esplosiva in Medio Oriente. Il presidente americano Obama e il premier britannico Cameron hanno sottolineato come i membri dell’Alleanza debbano essere pronti a fare i conti con le possibili conseguenze di un’escalation militare in Siria e in Iraq. “Se dovesse essere necessario un intervento da parte dell’Occidente, fa notare un analista, si pone un interrogativo: la Nato svolgerà un ruolo determinante? Non credo, secondo me il modello che seguiranno sarà formare una coalizione con quelli Stati membri che sono disposti a intervenire, ma senza usare i mezzi dell’Alleanza”, fa notare Jan Techau, il Direttore di Carnegie Europe. La Nato intanto si è detta pronta a creare 5 nuove basi nei Paesi dell’est e una forza di reazione rapida composta da forze speciali in grado di essere dispiegate ovunque in tempi rapidissimi. Per contrastare la minaccia del terrorismo. Quello che si percepisce finora è che molti paesi dell’Alleanza pensano che le azioni militari non saranno sufficienti per combattere l’ISIL. Obama e Cameron, spiega il nostro corrispondete al vertice, dovranno cercare sostegno nell’area mediorientale. La situazione non si risolverà senza il sostegno dell’Iran e del presidente siriano Assad.

 

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]