Lunedì, 18 Aprile 2011 21:10

Vittorio Arrigoni, l'ultimo saluto a Gaza. La salma mercoledì in Italia

Scritto da

ROMA - La salma di Vittorio Arrigoni dovrebbe arrivare in Italia mercoledì sera, con un volo Alitalia in partenza alle 16 dal Cairo  e in arrivo a Roma Fiumicino alle 19.35. E' questo quanto hanno scritto  gli amici dell'attivista sulla pagina di facebook, ai quali  lo stesso Vittorio aveva lasciato l'accesso al suo profilo personale.


Nella tarda mattinata di oggi, la salma di Arrigoni ha lasciato la striscia di Gaza con destinazione l'ospedale italiano della capitale egiziana, dove sarà allestita una camera ardente e si terrà una veglia funebre. Su Facebook intanto è partita la mobilitazione tra attivisti e ammiratori del lavoro di Arrigoni per accoglierne la salma all'arrivo a Fiumicino.

Nel frattempo la polizia di hamas ha annunciato di aver messo una taglia, dal valore al momento imprecisato,  sulle tre persone - due palestinesi e un giordano - tuttora ricercate nell'ambito delle indagini sul rapimento e l'uccisione del volontario italiano Vittorio Arrigoni. Le foto segnaletiche dei tre  ricercati compaiono in queste ore sul sito del 'ministero dell'Interno' del governo di Hamas con i rispettivi nomi di battaglia: si tratta di Bilal al-Omari, Mohammad Salfiti e Abu Abdel Rahman al-Ordini. 

I primi due sono palestinesi della Striscia di Gaza, ritenuti affiliati a uno dei gruppi di matrice ultraintegralista salafita, molto vicini ad Al Qaeda, entrati talora in contrasto con Hamas da posizioni ancor più radicali. Il terzo sarebbe invece un cittadino giordano, indicato come il probabile regista del sequestro di Arrigoni e descritto da diverse fonti come un militante del jihadismo internazionale infiltrato a Gaza. Almeno altre due persone risultano gia' in stato di arresto in relazione al caso Arrigoni. 

Secondo fonti ufficiali di Hamas, questi ultimi due avrebbero avuto un ruolo di supporto nel rapimento, mentre fonti non ufficiali degne di nota insistono nell'affermare che fra i due (indicati come Farid Bahar e Tamer al-Hasasnah, entrambi esponenti del braccio armato di Hamas transitati nella galassia salafita) c'è l'uomo che avrebbe confessato di essere l'esecutore materiale dell'assassinio dell'attivista italiano, strangolato poche ore dopo la cattura.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]