Mercoledì, 08 Ottobre 2014 11:52

Turchia. Scontri in manifestazione pro curdi. Almeno 14 morti

Scritto da

ISTANBUL - Migliaia di manifestanti pro-curdi - furenti per l'inazione del governo di Ankara contro i jihadisti dello Stato islamico (Isis) lanciati contro l'enclave di Kobane - si sono scontrati con la polizia turca: nelle violenze, avvenute un pò in tutta la Turchia, almeno 14 persone sono morte e diverse sono rimaste ferite. 

Cinque persone sono morte a Diyarbakir, la più grande città curda nel sud-est del Paese. Un giovane è rimasto ucciso a Varto, nella provincia orientale di Mus; tre a Mardin, due nella provincia di Siirt e una nel sobborgo di Batman. Ad Istanbul ed Ankara la polizia ha dovuto usare i gas lacrimogeni e gli idranti per disperdere i manifestanti. Il coprifuoco è stato imposto in cinque delle provincia sud-orientali a maggioranza curda.

Intanto cresce la frustrazione degli Stati Uniti verso la Turchia, accusata di «inventare scuse» per non intervenire contro i jihadisti dello Stato islamico che da settimane assediano la città siriana di Kobane, al confine turco. È quanto scrive oggi il New York Times, citando fonti dell'amministrazione Obama.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]