Martedì, 14 Ottobre 2014 16:55

Ucraina. Violenti scontri tra estremisti di destra e polizia. IL VIDEO

Scritto da

 

KIEV - Protesta violenta degli estremisti di destra in Ucraina davanti al parlamento. Sventolando le bandiere dell’“esercito insurrezionale ucraino” e sfoggiando la foto del suo fondatore, Stepan Bandera, i manifestanti, molti dei quali col viso coperto e armati, hanno contestato la mancata votazione di un progetto di legge da parte dei deputati e hanno lanciato fumogeni e pietre contro i poliziotti.

Chiedono il riconoscimento dell’“esercito insurrezionale ucraino” e della sua espressione politica “l’organizzazione dei nazionalisti ucraini” come eroi della lotta per l’indipendenza del Paese durante la seconda guerra mondiale. Il progetto di legge è sostenuto anche dal partito nazionalista Svoboda secondo il quale però negli scontri non sono stati coinvolti suoi membri. Resta comunque controverso in Ucraina il ruolo storico dell’Upa, creata esattamente 72 anni fa. Inizialmente accolse gli occupanti nazisti, in seguito lottò contro di loro e poi anche contro le forze sovietiche.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]