Giovedì, 01 Gennaio 2015 12:32

Capodanno tragico a Shanghai. Decine di morti a veglione

Scritto da

Almeno 35 persone sono morte a un veglione, molte di loro sono state calpestate, poco prima della mezzanotte locale. I feriti sarebbero almeno una cinquantina, ma il conto sembra destinato a salire.

Secondo alcuni testimoni tutta sarebbe avvenuto perché la folla avrebbe preso a muoversi quando, dalla terrazza di un bar, qualcuno ha iniziato a lanciare dei coupon pubblicitari che assomigliavano a banconote. La gente ha iniziato a spingere e alcuni sono finiti schiacciati. “È stato terribile. Le persone cadevano per terra e gli altri li calpestavano. Non era un attacco terrorista dove la gente doveva scappare per mettersi in salvo. Sarebbe bastato che la folla defluisse tranquillamente”, dice una testimone. Un’altra aggiunge: “Sono scioccata, tante persone erano venute solo per festeggiare il nuovo anno ed è finita così. Con tante vite perdute”. Un momento di panico collettivo trasformato in tragedia. È stata aperta un’inchiesta. Se venissero provate le responsabilità della proprietà del bar l’accusa, secondo alcuni media locali, potrebbe essere di strage.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]