Domenica, 11 Gennaio 2015 14:29

Strage Parigi. La terrorista è in Siria, giallo sul suo ruolo. VIDEO

Scritto da

PARIGI - Hayat Boumedienne si troverebbe in Siria. La 26enne più ricercata di Francia, è diventata nelle ore una figura centrale degli attacchi terroristici di Parigi. Hayat sarebbe arrivata in Turchia il 2 gennaio e da lì avrebbe proseguito verso la Siria l’8.

Ed è polemica tra Parigi e Ankara, se è vero che le autorità turche hanno ammesso di averla lasciata passare per mancata segnalazione dalle autorità francesi. Di Hayat si conosce poco. Nata nel 1988 viene data in adozione poco dopo la morte della madre nel 1994. Nel 2009 sposa con rito religioso Amedy Coulibaly, con il quale risiedeva negli ultimi in questo appartamento alla perifieria di Parigi. “Vivo qui, questo era il loro appartamento. Li ho incontrati spesso, la donna era completamente velata. Non indossava il burka, ma il velo integrale. Erano persone cordiali, ci salutavamo, li ho incontrati tantissime volte, persone gentili, non hanno mai creato dei problemi”. L’approdo all’islam radicale di Hayat sembra successivo al matrimonio. Fino al 2009 di lei non si hanno tracce. Nel 2010, invece, è insieme a Coulibaly a far visita a Djamel Beghal, figura dell’islam radicale francese. Pochi mesi fa la firma una petizione on line contro il divieto del velo integrale. Gli inquirenti lavorano in queste ore per delineare il ruolo di Hayat negli attentati.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]