Mercoledì, 21 Gennaio 2015 10:30

Yemen. Presidente si rifugia a Aden, città blindata. VIDEO

Scritto da

Il Presidente yemenita Mansour Hadi avrebbe lasciato Sanaa per ripiegare a Sud, a Aden, che da oggi sarà una città completamente blindata, con la chiusura dello spazio aereo e marittimo e il blocco degli accessi stradali.

Le informazioni trasmesse dalla televisione dello Yemen, non confermate dalle autorità, descrivono la gravità della crisi in corso. Crisi sulla quale si è pronunciato ieri sera il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Cristian Barros Melet, ambasciatore cileno all’Onu: “I membri del Consiglio di Sicurezza fanno appello alle parti in Yemen a risolvere le divergenze attraverso il dialogo e la trattativa, a condannare la violenza come mezzo per fini politici e a fermare le provocazioni” ha detto dopo la riunione d’urgenza dei Quindici. I ribelli sciiti Houthi di Ansar Allah sono penetrati ieri nel palazzo presidenziale di Sanaa, di rado utilizzato dal Capo dello Stato. I ribelli si oppongono al progetto di revisione della Costituzione che prevede la suddivisione del Paese in 6 regioni anzichè due. Un fatto che priverebbe gli Houthi, originari del Nord del Paese, di un accesso al mare e limiterebbe il loro controllo su tutto il Settentrione dello Yemen. 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]