Lunedì, 09 Febbraio 2015 18:58

Marsiglia. Colpi di kalashnikov in strada

Scritto da

MARSIGLIA - Colpi di kalashnikov in pieno giorno in un quartiere-dormitorio di Marsiglia. E la città nel sud della Francia riscopre di essere territorio di guerra fra clan mafiosi.

Sono stati almeno 15 minuti di puro terrore quando degli uomini, armati di fucili d’assalto e in tenuta militare, hanno iniziato a far fuoco. Sulle prime si è temuto c’entrasse il terrorismo. Poi le indagini si sono concentrate sul traffico di droga e sul regolamento di conti fra bande. I genitori di una scuola non hanno potuto prendere i bambini perché l’istituto è stato immediatamente isolato. La gente è esasperata: “Non siamo più sicuri. I bambini sono traumatizzati. Troppe sparatorie in strada, violenze. Non ne possiamo più le cose debbono cambiare”, dice una madre. La sfrontatezza del crimine organizzato ha raggiunto il suo apice. La sparatoria è avvenuta proprio nel giorno della visita del primo ministro Manuel Valls. Come a dire: sono i criminali che fanno le leggi qui nella città col più alto tassi di omicidi di Francia. 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]