Mercoledì, 04 Maggio 2011 07:40

Osama Bin Laden. Dubbi sull'elicottero usato per il raid dei Navy Seal. LE FOTO

Scritto da

ROMA - Nasce un piccolo mistero dalle foto riportate oggi da tutti i giornali relative ai resti dell’elicottero distrutto durante l’azione delle forze speciali americane che hanno portato alla uccisione di Bin Laden.


Le fonti ufficiali raccontano che durante lo svolgimento dell’assalto uno degli elicotteri ha avuto gravi problemi tecnici tanto che, dopo l’atterraggio all’interno del compound dove si trovava Bin Laden, gli assaltatori americani lo hanno distrutto con una carica esplosiva.
Di norma, qualsiasi mezzo militare viene distrutto per evitare che possa essere utilizzato per fini o propagandistici o per non lasciare dei resti capaci di fornire informazioni su un nuovo tipo di tecnologia. Questo accade generalmente in territorio nemico, ma il Pakistan, nonostante la controversa presenza di Laden in un area militare pakistana, non è un nemico degli Stati Uniti.
La stampa oggi riferisce che gli elicotteri utilizzati sono stati del tipo Blackhawk, o un misto tra questi ed il tipo chiamato Chinook, un grosso elicottero da trasporto tattico.
Ebbene, se andiamo a confrontare le foto di dettaglio dei resti dell’elicottero fatto saltare in aria, appare un dettaglio di non poco conto:
i resti del rotore di coda (ovvero della piccola elica stabilizzatrice che si trova in coda che è l’unica struttura dell’elicottero rimasta riconoscibile dopo l’esplosione) non sono affatto uguali né a quelli del Blackhawk né a quelli del Chinook. La struttura nelle foto dei resti ha una grossa carenatura sopra i monconi delle pale che sono sei invece che quattro e una aletta stabilizzatrice a V invece che rettangolare. Il Chinook poi non ha neanche il rotore di coda.
Un piccolo mistero nel mistero che avvolge l’assalto a Bin Laden. Difatti o gli americani hanno volutamente distrutto un nuovo tipo di elicottero con caratteristiche segrete, per esempio un elicottero che non produce rumore, quindi di una tecnologia avanzata e super segreta  oppure, quelli che si vedono e che ci vengono mostrati potrebbero essere i resti di un simulacro utilizzato per rendere verosimile un assalto mai avvenuto dall’aria.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]