Martedì, 10 Febbraio 2015 16:40

Ucraina. A rischio gli equilibri geopolitici

Scritto da

ROMA - Continuano le tensione sulla vicenda ucraina. Tensioni che iniziano a creare dei veri e propri scontri diplomatici e mettono in serio perciolo gli equilibri geopolitici.

Anche Londra oggi, come ha detto ieri Barack Obama, ha fatto sapere che si riserva il diritto di armare l'Ucraina e non consentirà il collasso dell'esercito ucraino. E' stato il ministro degli Esteri britannico, Philip Hammond a precisarlo. Vladimir Putin, il presidente russo, si comporta come un "tiranno della metà del secolo scorso", inviando le sue truppe ad "oltrepassare la frontiera internazionale e occupare il territorio di un altro paese", ha commentato il ministro britannico.Hammond ha precisato che rifornire con armi l'Ucraina non  è "al momento un'ipotesi" presa in considerazione da Londra, ma il governo poterebbe cambiare idea su questo punto. "E' una decisione autonoma che spetta a ogni paese membro della Nato stabilire se fornire aiuti letali all'Ucraina", si legge in un comunicato rivolto al Parlamento. "Il Regno Unito non sta pensando di farlo, ma ci riserviamo il diritto di sottoporre questa decisione a revisione".

Insopmma è proprio sulla  questione dell'invio di armi a Kiev, che  si stanno creando tensioni. Il segretario di Stato americano, John Kerry, sarebbe  favorevole ad armare l'Ucraina, mentre il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, non ha ancora preso una decisione sulla possibilità di inviare aiuti letali a Kiev per difendere l'Est del Paese dai separatisti filorussi, come ribadito ieri dopo il vertice alla Casa Bianca con la cancelliera tedesca Angela Merkel. La Russia, dal canto suo, accusa gli Stati Uniti i quali, a loro detta, "cercano di coinvolgere la Russia in un conflitto militare interstatale" e "sfruttando la questione ucraina vogliono un cambiamento del potere" in Russia e "infine lo smembramento del nostro Paese".  Ma non è tutto. La Russia avverte che un eventuale "inizio delle forniture di armi letali a Kiev da parte degli Usa sarebbe un'ulteriore conferma che Washington e' direttamente coinvolta nel conflitto in Ucraina". 

Domani è atteso l'arrivo di Francois Hollande a Minsk con la cancelliera tedesca Angela Merkel. I due si sono detti fiduciosi di arrivare ad un accordo di pace sull'Ucraina.  "Discussioni sono in corso" in vista del summit, ha detto Hollande, sottolineando come continuino "i combattimenti nell'est dell'Ucraina, dove ci sono morti e civili che  vivono un calvario". Difatti è  salito a sette il bilancio delle persone morte in un bombardamento con razzi (Tornado o Grad) che ha colpito Kramatorsk: città controllata dalle truppe ucraine e a 50 chilometri dal fronte. Lo riferisce l'amministrazione regionale di Donetsk precisando che i feriti sono 26 (16 civili e 10 militari). Iuri Biriukov, consigliere del presidente ucraino Petro Poroshenko, sottolinea però anche di due militari uccisi, visto che i razzi hanno colpito il quartiere generale delle truppe di Kiev nella cittadina. 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]