Mercoledì, 18 Febbraio 2015 12:33

Prigioni Cia in Polonia, Corte dell'Aja conferma condanna. VIDEO

Scritto da

La Corte europea per i diritti dell’uomo ha confermato la condanna contro la Polonia per aver ospitato sul proprio territorio un carcere della Cia.

La condanna, decisa lo scorso 24 giugno, è arrivata nel corso del processo riguardante i maltrattamenti subiti nel 2002-2003 da un cittadino palestinese e uno saudita, detenuti in condizioni inumane in Polonia da agenti statunitensi prima di essere spediti nella prigione di Guantanamo. La Corte dell’Aja ha rigettato le contestazioni delle autorità polacca confermando la sentenza di giugno. Varsavia dovrà ora avviare un’inchiesta interna e rimuovere gli ufficiali in carica in quegli anni, che hanno coperto e facilitato le azioni degli statunitensi. La Polonia è anche chiamata a pagare ai due uomini, tuttora detenuti a Guantanamo 230 mila euro. Oltre alla Polonia, secondo un rapporto pubblicato dal think tank Open Society sarebbero una cinquantina i Paesi ad aver collaborato con la Cia dopo l’11 settembre.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]