Domenica, 08 Marzo 2015 16:30

Isis. Jihadi John chiede scusa alla famiglia

Scritto da

LONDRA - Il boia dell'Isis, Jihadi John avrebbe chiesto scusa alla sua famiglia in un messaggio inviato dalla Siria ai suoi familiari. Mohammed Emwazi, a detta del Sunday Times, avrebbe  addirrittura fatto sapere di essere dispiaciuto.

Una notizia che lascia alquanto basiti considerando le spietate e violente esecuzioni di cui si è macchiato il ventiseienne. La famiglia, da quando è stato diffuso il vero nome, vive sotto la protezione della polizia britannica nel Regno unito (il che costa circa 7mila euro al giorno). Solo il padre si trova in Kuwait dove il governo locale gli ha chiesto di dissociarsi apertamente dal figlio. 

Jasim Emwazi, che pure nei giorni scorsi aveva definito "un cane" Jihadi John, successivamente aveva  atto sapere di non essere certo che il figlio fosse effettivamente il boia di una delle decapitazioni il cui filmato è stato diffuso dall'Isis. Il domenicale londinese fa rilevare che il messaggio di scuse

sarebbe legato più che altro a ragioni religiose che non a un pentimento: in base all'islam, infatti, chi disobbedisce o crea preoccupazioni ai propri genitori può finire all'inferno.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]