Lunedì, 09 Marzo 2015 18:17

Grecia. Ministro minaccia, intesa o inondiamo Ue di migranti e jihadisti

Scritto da

BERLINO - Se l'Unione europea abbandona la Grecia al suo destino, Atene fornira' documenti di viaggio validi per l'Europa di Schenghen a tutti i migranti, e tra questi ci potrebbero essere anche terroristi dell'Isis.

E' la minaccia lanciata dal ministro della Difesa greco, Panos Kammenos, leader della destra nazionalista, secondo quanto riferisce il sito tedesco di "The Local". "Se colpiscono la Grecia, allora dovrebbero sapere che i migranti avranno i documenti per andare a Berlino", ha avvertito senza giri di parole il ministro. Kammenos ha aggiunto che se tra i migranti si annideranno jihadisti, la responsabilita' sara' dell'Europa per la sua posizione intransigente sui problemi economici greci.

Dichiarazioni simili erano gia' state pronunciate la settimana scorsa dal vice ministro dell'Interno, Giannis Panousis, mentre il ministro degli Esteri, Nikos Kotzias, in occasione della riunione di venerdi' scorso con i colleghi europei aveva ricordato che in caso di crollo, il suo Paese sarebbe diventato la porta di ingresso per "milioni di immigrati e migliaia di jihadisti". Alla minaccia, il sindacato della polizia tedesca ha risposto, suggerendo di escludere la Grecia dall'area Schengen nella quale e' stato abolito il controllo dei documenti alle frontiere.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]