Giovedì, 19 Marzo 2015 13:23

Tunisi. Caos sulle vittime. Essebsi, la Tunisia è in guerra

Scritto da

ROMA - Ormai i bilanci ufficiali si sprecano sulla tragedia che ha colpito la Tunisia ieri e questo fa capire lo stato confusionale sul quale è precipitato il paese africano.  Pochi minuti fa è arrivato infatti l'ennesimo bilancio ufficiale dal ministero della Sanità tunisino.

I morti adesso sono 23, di cui 20 stranieri. Di questi solo tredici sono stati identificati. Inutile dire che regna ancora molta confusione sul numero delle vittime, mentre esponenti istituzionali e politici tirano a indovinare.  E' probabile che bisognerà attendere ancora prima di avere un bilancio definitivo sulla tragedia tunisina. Intanto il presidente Beji Caid Essebsi, davanti al Consiglio superiore delle forze armate tunisine e del Consiglio superiore delle forze dell'Interno, lancia un proclama chiaro e diretto: "La Tunisia è in guerra" E poi: "Una mobilitazione dell'esercito e della polizia e' stata decretata per "sradicare il terrorismo", ha spiegato il capo della Stato.

Costa Crociere. Stop a scali a Tunisi

La Costa crociere nel frattempo ha annunciato di avere annullato tutti gli scali previsti per le sue navi a Tunisi, all'indomani dell'attacco al museo Bardo. "Dopo quanto accaduto a Tunisi, abbiamo deciso di annullare tutti i prossimi scali a Tunisi delle nostre navi Costa Fortuna, Costa Favolosa e Costa neoRiviera"", ha annunciato la società navale.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]