Giovedì, 16 Aprile 2015 16:14

Sudafrica. E’ caccia ai migranti per non perdere il posto di lavoro

Scritto da

A Durban marcia contro la xenofobia

JOHANNESBURG  - Continua, in Sudafrica, la 'caccia' all'immigrato che sta gettando il Paese nel caos e che finora ha provocato sei vittime, fra cui un 14enne. Sono piu' di duemila gli stranieri che si sono rifugiati nelle stazioni di polizia a Durban, dove gruppi di residenti li hanno aggrediti a colpi di machete, accusandoli di rubare il posto di lavoro in un Paese in cui la disoccupazione sfiora il 25 per cento. Nella citta' portuale resta alta la tensione, anche se migliaia di persone sono scese oggi in strada per una grande marcia contro la xenofobia. Un appello a porre fine alle violenze e' stato lanciato dal presidente, Jacob Zuma, che ha duramente condannato l'ondata di attacchi xenofobi. Anche a Johannesburg, la capitale commerciale del Sudafrica, si registrano scontri e violenze. Nella notte sono stati attaccati e devastati alcuni negozi gestiti da stranieri nella zona di Jeppestown; la polizia e' poi dovuta intervenire sparando proiettili di gomma e lacrimogeni per sedare una protesta anti-immigrati di circa 200 persone, che avevano scatenato una sassaiola contro gli agenti e le automobili di passaggio. 

Alla marcia di Durban hanno preso parte almeno 4mila persone, tra cui anche leader politici e religiosi. I partecipanti hanno scandito slogan contro la xenofobia, inneggiando all'"Africa Unita".     "Ci sono tensioni in varie parti del Paese", ha confermato il commissario nazionale della polizia, Riah Phiyega, aggiungendo che "nella notte c'e' stata una fiammata di violenti attacchi e depredazioni a Jeppestown". La funzionaria ha precisato che sono stati compiuti sei arresti. Le violenze xenofobe sono scoppiate due settimane fa; nel mirino della popolazione locale - soprattutto giovani neri nati dopo la fine dell'apartheid - sono finiti negozi e abitazioni degli stranieri di origine africana, ritenuti i responsabili della piaga della disoccupazione che affligge il Paese e raggiunge, tra i giovani, picchi del 50 per cento. Non e' la prima volta che in Sudafrica si verificano episodi simili. A gennaio la morte di un adolescente, ucciso da un venditore straniero, aveva infiammato Soweto, scatenando un'ondata di proteste. Nel 2008 le vittime delle violenze xenofobe a Johannesburg erano state 62.  

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]