Lunedì, 08 Giugno 2015 09:27

Turchia. L’Akp vince senza maggioranza. Curdi in Parlamento. VIDEO

Scritto da

ANKARA - Il partito giustizia e sviluppo Akp del presidente Erdogan vince le elezioni politiche in Turchia ma perde la maggioranza assoluta che aveva da 13 anni.

Il leader del partito e primo ministro Ahmed Davutoglu, salutando i sostenitori davanti alla sede del partito ad Ankara, ha rifiutato qualsiasi ipotesi di ridimensionamento del potere dell’Akp che conferma, ha aggiunto, il programma di riforme costituzionali. “La decisione del nostro popolo – ha detto – è la decisione finale e suprema. Rispettare tale decisione è un obbligo per tutti i partici politici. Quanto richiesto dal nostro popolo dovrà essere realizzato in ogni caso”. L’Akp perde nove punti rispetto alle ultime legislative, mentre il nuovo partito curdo Hdp non solo supera lo sbarramento del 10 per cento ma compie un’impresa conquistando 13 punti percentuali. L’Akp prende 258 seggi. Essendo la maggioranza assoluta di 276 seggi nell’assemblea legislativa che conta 550 membri, sarà d’ora in avanti necessaria una coalizione per governare la Turchia, diversamente da quanto è accaduto dal 2002.

Turchia. Partito filo-curdo festeggia storico risultato

Saranno almeno 78 i deputati che il partito curdo di Selahattin Demirtas riesce a portare nel Parlamento turco. Quello che l’HDP ha inferto alla maggioranza islmanica dell’AKP potrebbe essere il colpo mortale. Un risultato degno di celebrazioni in grande stile per la formazione creata l’anno scorso. “Nonostante la campagna elettorale fatta di attacchi contro di noi portata avanti dal partito di governo che aveva a disposizione tutti gli strumenti delle istituzioni, abbiamo ottenuto un magnifico risultato” ha detto Demirtas nella sede del partito a Istanbul. “Un grande successo per dei cittadini di categoria B, sfruttati in Turchia, ma che sempre sostengono la pace, la giustizia, la libertà” ha aggiunto. A Diyarbakir, la più grande città curda della Turchia, centinaia di persone sono scese in strada per festeggiare. Ai fuochi di artificio si sono aggiunti alcuni colpi d’arma da fuoco sparati in aria in segno di vittoria. Una festa, secondo alcuni testimoni, paragonabile a quella di gennaio scorso, quando i combattenti curdi avevano sottratto agli estremisti islamici la cittadina siriana di Kobane.

VIDEO  

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]