Martedì, 01 Settembre 2015 10:21

India. Le leggi sulle terre aprono agli stranieri. Scoppia la rivolta, 3 morti

Scritto da

NEW DELHI- Almeno tre persone sono rimaste uccise nello stato indiano nord-orientale del Manipur durante le proteste scoppiate dopo l''approvazione da parte del Parlamento locale di tre leggi riguardanti un nuovo meccanismo di proprietà della terra.

Lo riferiscono i media locali aggiungendo che diverse case di deputati locali sono state date alle fiamme. Gli incidenti più gravi sono avvenuti a Churachandpur, 65 chilometri a sud-ovest della capitale Imphal, dove sono state dispiegate le forze di sicurezza ed è stato imposto il coprifuoco. Secondo il ministro degli Interni J Suresh Babu, due persone sono morte colpite dai proiettili dei poliziotti, mentre un''altra è deceduta nell''incendio appiccato alla casa di un membro del Parlamento locale. "La situazione è sotto controllo dopo violenze di ieri sera", ha detto Babu all''emittente NDTV. "Un totale di otto persone sono rimaste ferite,due sono in condizioni critiche", ha aggiunto. I tumulti sono scoppiati dopo che il legislatore statale ha approvato tre leggi che potrebbero aprire gli appezzamenti di terreno, da sempre controllati dalle comunità tribali locali, agli stranieri.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]